Dipendente minacciato di morte e schiaffeggiato

Scritto da , 28 Giugno 2019
image_pdfimage_print

di Pina Ferro

Minaccia di morte e prende a schiaffi undipendente, reo a suo dire di aver asportato del contante dalla cassa del negozio Outlet Defilè di Salerno. Ha preso il via ieri il processo a carico di Guido Sauchelli rinviato a giudizio con l’accusa di esercizio arbitrario delle proprie ragioni. I fatti risalgono all’agosto e settembre 2014. «Tu mi stai stancando, ma tu hai capito bene che io ti uccido….tu hai capito che ti uccido… mezzo scemo io ti uccido…io ti squarto sano sano, ma tu ieni vita amara mo’ che esci da qua dentro…tu hai capito bene che tieni vita amara ti squarto sano sano, io ti faccio che manco i cani ti vogliono più mezzo scemo». Queste le frasi proferite dall’imputato nei confronti del dipendente, costituitosi parte civile e difeso dall’avvocato Fiorenzo Pierro, mentre visionava una video registrazione all’interno del deposito merci dell’Outlet Defilè. I nastri mostravano la sequenza di una sottrazione di contante operata dal dipendente dalla cassa durante il turno di lavoro. Dopo questa prima esplosione di rabbia sembrava che la violenza verbale fosse terminata e che la questione si sarebbe risolta nelle aule di tribunale da pare del titolare del negozio leso negli incassi. Invece, così non è stato, infatti, qualche giorno dopo Guido Sauchelli incontra per caso l’ex dipendente. L’uomo in un primo momento gli ha chiesto con insistenza il denaro che aveva asportato dalla cassa, poi successivamente lo ha minacciato affermando “Ti devo uccidere”. A questo punto lo ha schiaffeggiato. Ovviamente l’episodio è stato denunciato alle forze dell’ordine ed alla magistratura che a seguito di indagini hachiesto ed ottenuto dal gup il rinvio a giudizio del titolare del negozio in questione. Ieri la prima udienza. Per il furto è in corso un’altro procedimento giudiziario che vede imputato l’ex dipendente.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->