Detenuto morto: vedova, giustizia per Carmine Tedesco

Scritto da , 1 ottobre 2015
image_pdfimage_print

“Io e i miei tre figli chiediamo solo giustizia per mio marito, affinché non ci siano altre morti come la sua”. A dirlo è Anna Sammartino, vedova di Carmine Tedesco, detenuto morto nel novembre 2012 quando era ricoverato nella sezione detentiva dell’Ospedale San Leonardo. Nella sede del Gruppo Consiliare Socialista a Palazzo di Città, a Salerno, il segretario dei Radicali diSalerno, Donato Salzano ha parlato del caso Tedesco proprio con l’avvicinarsi del 5 novembre, giorno in cui si svolgerà la definitiva Camera di Consiglio sulla morte del detenuto 58enne. “Con questo incontro – spiega Salzano – spero di tenere alta l’attenzione su un caso ancora tutto da definire ma che mi auguro non finisca senza colpevoli. Voglio ricordare a tutti che Tedesco si trovava in carcere per un residuo di pena per il furto di due biciclette, con un quadro clinico molto delicato, essendo un soggetto diabetico. Chiedo al direttore generale del Ruggi, Vincenzo Viggiani di fare in modo che anche la sezione detentiva del nosocomio salernitano abbia i medici sia negli orari notturni che nei giorni festivi”. Secondo l’avvocato Massimiliano Franco legale di Anna Sammartino, infatti, “il marito della mia assistita è morto di notte senza l’aiuto di nessun medico, se non di un infermiere che però non è riuscito a contrastare il quadro clinico del signor Tedesco. Crediamo che l’uomo – rimarca ancora il legale – sia morto per un infarto. Dopo essere stato trasportato dal carcere all’ospedale per una crisi epatica acuta, siamo convinti che non sia stato curato adeguatamente. Dopo tre giorni nel reparto, infatti, Tedesco ha accusa un malore che non è stato adeguatamente curato da nessuno. L’infermiere di turno provò a contattare i medici ma nessuno arrivò ad aiutarlo. Al momento sette dovrebbero essere gli indagati, ma speriamo di avere certezza sul numero e sui nominativi dopo che si avranno i tabulati dove sono specificati i medici presenti nel reparto negli ultimi tre giorni”

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->