«Detenuti segregati a Fuorni»

Scritto da , 16 febbraio 2013
image_pdfimage_print

I Radicali visitano il carcere di Fuorni. Ieri mattina, una delegazione del movimento di Pannella, e alla presenza della deputata Rita Bernardini, ha fatto ingresso nella Casa Circondariale di Fuorni per incontrare i detenuti. Poi nel pomeriggio il punto della situazione alla sala Enaudi di Piazzetta Barracano. In platea anche il consigliere regionale Dario Barbirotti e l’ex presidente della Provincia di Salerno, Angelo Villani. Naturalmente, insieme all’onorevole Bernardini, i rappresentanti locali dei Radicali Donato Salzano e Michele Capano.
«La situazione è drammatica», dice la Bernardini. «Nel carcere di Fuorni c’è il doppio dei detenuti e si verificano violazioni di diritti fondamentali. Ci sono persone che sono segregate per 22 ore al giorno in celle piccole, dove hanno a disposizione meno di tre metri quadrati. Tutti i detenuti del carcere di Fuorni sono in grado di fare una vertenza con lo Stato Italiano per trattamenti inumani. 
In più qua a Salerno tutti i detenuti hanno sottolineato la totale impreparazione ed inefficienza da parte del Tribunale di Sorveglianza. Funziona in un modo così drammatico che un detenuto ha detto: “Tribunale di Sorveglianza uguale plotone di esecuzione”. In più i magistrati di sorveglianza non vanno mai a visitare le celle».
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->