Delitto Autuori, spunta la pista dell’usura

Scritto da , 19 settembre 2015

La pista dell’usura dietro la morte del quarantacinquenn Aldo Autuori, trucidato il 25 agosto da due sicari davanti ad un bar di Pontecagnano. Questa è una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti che stanno provando a ricostruire in maniera meticolosa la rete di rapporti dell’imprenditore, impegnato nel campo dei trasporti. Con il dissequestro dei beni – misura reale applicata per la vicenda Gasoline- Autuori era rientrato in possesso dei beni e, soprattutto si era visto sbloccare i conti corrente bancari. Gli inquirenti non escludono che l’imprenditore fosse coinvolto in un complesso giro di prestiti con personaggi legati ad ambienti usurari accumulando interessi che il quarantacinquenne non poteva onorare o non voleva corrispondere. Non è da escludere, a questo punto, che i killer (probabilmente provenienti dal napoletano) fossero stati “ingaggiati” per punire il creditore ribelle (o poco puntuale) come monito per altre persone coinvolte nel “giro d’affari”. Di certo  l’agguato mortale è stato realizzato da “professionisti” in considerazione della freddezza con la quale hanno agito davanti ad un bar ed in un orario di punta con i nove colpi esplosi andati a segno. Elementi che fanno pensare che i cecchini siano di origine napoletana. In ogni caso gli inquirenti, Colamonaci è il pm titolare dell’inchiesta, non tralascia nessuna pista. Dall’ipotesi della vendetta, con sospetti sulla famiglia Merola, a quella dell’agguato per nuovi e vecchi affari nel quale era impegnato Aldo Autuori, coinvolto non più tardi un anno fa nella vicenda Gasoline che fece scattare arresti e sequestri. Ascoltati anche alcune delle persone coinvolte nel caso così come i familiari dello stesso Autuori. Caccia allo scooter Beverly Bianca con la quale i due killer, che hanno sparato entrambi, ed alle pistole calibro 38. Da rilevare che è stato effettuato l’esame dello stub a numerosi soggetti della malavita della Piana del Sele oltre che hai parenti di Merola. Non è da escludere che nelle prossime ore l’inchiesta possa avere uno sviluppo decisivo.

Consiglia