De Mita e De Luca, c’eravamo tanto odiati

Scritto da , 20 Settembre 2014
image_pdfimage_print

Più di trenta minuti di colloquio con il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca nella propria stanza. Ciriaco De Mita, puntale come sempre, è arrivato alle 18 a Palazzo di Città. Accompagnato da Aniello Salzano e dal già rettore Raimondo Pasquino, l’ex premier è rimasto per oltre mezz’ora nella stanza di De Luca, aspirante candidato alla presidenza della Regione Campania. «L’ho ricevuto come un mio collega», dice scherzando De Luca riferendosi alla recente elezione di De Mita a sindaco di Nusco. «L’ultima volta a Salerno – dice De Luca – De Mita disse di avere due rimpianti: il primo di non essere stato sindaco del suo comune; il secondo di non essere mai stato capogruppo alla Camera. Per il primo ha esaudito il suo desiderio». In una sala stracolma di vecchia Dc, De Mita racconta il suo “viaggio”, accogliendo l’invito di Renato Cascone, già segretario provinciale della Democrazia Cristiana. Ad applaudirlo c’è tutta la vecchia guardia: a partire da Paolo Del Mese, passando per Guglielmo Scarlato, Giannino Russo, Vittorio Salemme e Raffaele Ferraioli. C’è anche Bruno Ravera, già sindaco di Salerno e presidente dell’ordine dei medici, verso il quale ha uno scambio di affettuose battute. Quanto al futuro politico, De Mita non concede molto. Ed è troppo criptico quando si rivolge a Vincenzo De Luca, augurandogli “buone battaglie politiche”. Fuori convegno boccia a pieni voti Stefano Caldoro, parlando di “una gestione nefasta in Regione Campania” e da osservatore dice (riferendosi alle prossime regionali) di “sposare un progetto che riaccenda la speranza”. L’ex presidente del Consiglio afferma, infatti, che «se dovesse nascere un progetto che s’incanali lungo la strada tortuosa e delicata della risoluzione dei problemi, che riaccenda la speranza, io ci sarei. Dalla mia tifo affinché questo avvenga perché ad oggi sono arrivato a pensare che non esista più quel periodo di crescita che arriva dopo il buio».   Altri tempi in cui Vincenzo De Luca considerava Ciriaco De Mita il male assoluto (politicamente) in Regione Campania, tanto da fare pubbliche accuse nei confronti dell’ex premier di Nusco. Oggi, a quanto pare, i rapporti tra i due sono completamente mutati, attraverso una serie di complimenti che si sono scambiati nel corso del convegno di ieri a Palazzo di Città. Naturalmente, considerato il clima elettorale, a quanto pare De Mita dalla sua sembra intenzionato a sposare il progetto De Luca. Non fosse altro che già per le provinciali, l’Udc di Cobellis sarà alleato del Pd. E a quanto pare potrebbe essere lo stesso alle prossime regionali, con De Luca candidato presidente.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->