De Luca, Salvini?All’ospedale di Salerno come un capo venditore di cocco

Scritto da , 29 Agosto 2020
image_pdfimage_print

“Una comitiva e’ andata in giro all’ospedale Ruggi di Salerno per fare demagogia. Sembravano parcheggiatori abusivi, venditori di cocco, poi si sono rivelati esponenti politici con la camicia fuori dai pantaloni con alla guida il leader dei venditori di cocco”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo de Luca nella sua diretta su Facebook riferendosi, senza nominarlo, alla visita del leader della Lega Matteo Salvini a Salerno dei giorni scorsi. “In portineria – ha proseguito De Luca – gli hanno detto che il parcheggio e’ gia’ gestito e il cocco non serviva. Poi si e’ accorto che il leader aveva il crocifisso e li hanno scambiati per degli assistenti spirituali. Quando si sono qualificati come politici politicanti che volevano fare un giro nell’ospedale Ruggi, il direttore generale ha fatto un comunicato per dire che l’ospedale e’ luogo di sofferenza e cura dove non si fanno passeggiate elettorali. Se vuoi un’informazione, fissi un appuntamento, vai nell’ufficio amministrativo e chiedi. Erano venuti da lontano, guidati da un esponente politico venuto da 1000 chilometri per una foto opportunity davanti al covid hospital. Mi auguro che ora si convincano che almeno gli ospedali sono luoghi da rispettare perche’ c’e’ gente che soffre. Voglio dire a quell’esponente politico venuto da lontano che lo invito a un dibattito pubblico sulla sanita’ campana e su quella di qualche regione del nord, dove e quando vuole”. LA REPLICA Lucia Vuolo: Venditrice di cocco? Non ci avevo mai pensato. Anche se fosse, sempre meglio che “pallista”. Vincenzo De Luca oggi dice “nessuno deve fare politica negli ospedali perché c’è gente che soffre”. Parla proprio lui che ha nominato i Direttori e vari sottoposti ospedalieri. In quel caso invece la politica “può fare”. La politica di #DeLuca, ad esempio, può fare un Covidcenter al “Ruggi” chiuso a tutti, malati compresi. Poi c’è la legge da rispettare. Il tempo è galante, caro De Luca. E, come dicesti ai giornalisti alla sesta inaugurazione della Cittadella giudiziaria di Salerno … io non ho fretta!

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->