D’Agostino attacca il centrodestra e presenta la lista Officina Pellezzano

Scritto da , 7 maggio 2018
image_pdfimage_print

Giovanni D’Agostino svela i retroscena delle trattative del centro destra. L’espressione di Fratelli d’Italia sul territorio di Pellezzano confessandosi su Facebook ne ha per tutte ed a 5 giorni dalla presentazione delle liste mette in campo Officina Pellezzano. Un’altra civica, una cosa non è ancora chiara: sarà una lista di appoggio oppure D’Agostino sarà il quarto candidato allo scranno di sindaco? Il testo integrale della lettera ai cittadini.《 Dopo settimane di silenzio, è giunto il momento di fare chiarezza su come le segreterie provinciali dei partiti di centro destra hanno condotto le trattative in vista delle elezioni comunali di Pellezzano del prossimo 10 giugno. All’indomani di una serie di interminabili riunioni fui indicato come candidato sindaco di coalizione, ma nel mentre venivo “incoronato” mi veniva espressamente richiesto di condurre la trattativa per una intesa programmatica con la lista Impegno Civico con Francesco Morra candidato sindaco. Accordo che fu concluso in poche ore, con buon pace di tutti per la bontà del progetto che avrebbe coniugato “freschezza” politica ed esperienza per un compito gravoso come quello di amministrare Pellezzano. Colpo di scena! Il mattino seguente alcuni “personaggi in cerca d’autore”, rinnegando i precedenti accordi e sconfessando, quindi, l’operato delle stesse segreterie presentarono a Morra richieste irricevibili quanto questuanti che nulla avevano a che fare con il bene dei cittadini e con le citate intese programmatiche. Tali farneticanti richieste provocarono una insanabile rottura che ha impedito la rappresentanza del centro destra all’interno di una civica. Il tutto nel silenzio più assordante da parte della segreteria di Forza Italia, che consente a chiunque di spendere il proprio nome sui territori. Non contenti di questo disastro politico ed a sole due settimane dalla presentazione delle liste, mi si è chiesto di organizzare una civica, sfruttando la “verginità” di Officina Pellezzano, senza la forza di esprimere una candidatura che sia una. Giornate intere a fare colloqui per selezionare candidati, rinunziando a giorni di festa da trascorrere con la famiglia, condite da telefonate in cui si è avuto anche l’ardire di chiedere “come va?”, senza preoccuparsi che, non solo non erano in grado di darmi una mano, ma il loro coordinatore cittadino faceva riunioni con i novelli “duri e puri” di Pellezzano per la composizione di una lista concorrente. Capitolo a parte meritano costoro che, capitanati da un condottiero che è stato il primo ad aver “sputato” su Forza Italia, dopo averci mangiato insieme per mesi, e sul sottoscritto rei di aver fatto accordo con la “sinistra”, dimenticando che solo alcune settimane prima aveva richiesto la candidatura della figliola nel Movimento 5 Stelle, ovviamente rifiutata. Alla faccia della coerenza sbandierata ai quattro venti. “Mai con D’Agostino” citava qualche giorno fa un giornale riportando la dichiarazione, poi ritrattata, di questi novelli “capo’ de noialtri”. Parafrasando questo titolo e dopo un attenta e ponderata riflessione annuncio: mai con loro. Ero e resto uomo di destra, ma non posso più avere a che fare con questi partiti, comprendendo finalmente le motivazioni dei deludenti risultati amministrativi al cospetto degli ottimi risultati politici. Continuerò la mia azione politica dentro e fuori le istituzioni attraverso l’associazione Officina Pellezzano, che ho creato insieme a tante amiche ed amici che ringrazio per la vicinanza, la voglia, la forza, l’immenso senso civico e lo smisurato amore per Pellezzano.Da domani mattina ascolteremo tutti i candidati ed opereremo la scelta migliore senza queste inutili e dannose “zavorre”. Forza Pellezzano – lanciando l’hashtag – #torneraibellissima》.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->