Da 35 a 150 anni, le imprese che fanno la storia di Salerno

Scritto da , 18 maggio 2018
image_pdfimage_print

Brigida Vicinanza

Ecco le imprese premiate: Leonardo Accarino, Domenico Alfano, Aniello Longobardi srl, Rosa Vincenza Corindo Annunziata, Arcea di Carmine Santoriello, Barbara pellicceria di Giuseppe Di Martino, Brevetti Giannattasio di Sergio Giannattasio, cavaliere ufficiale Matteo Campagna, ragioniere Antonio Campagnuolo, camping Pineta, cantine Cuomo Marisa Gran Furor Divina Costiera srl, Luigi Gatto, C.M.Srl, Luigi Cupo, Magno De Bellis, Carlo e Alfonso De Iuliis spa, De Luca Srl, De Santis srl, Central Ferramenta di Antonio De Vivo, Elettromeccanica Mauriello srl, Carmelo Gabriele, Giglio costruzioni, Mario Guarno, Ortenzio Lanaro, Lira srl, Umberto Mangia, Euromobil Arredamenti di Gerardo Moccaldo, Aniello Montoro, Omg srl, Giacomo Pepe, Plastica sud di Caiazza &C, Luigi Rispoli, Giacchino Ruggieri, scuola dell’Infanzia e primaria Rosa Agazzi società cooperativa, Lucia Sessa, Sole del Sud srl, Salvatore Sorrentino, Alfonso Spagone, Tipolitografia Scala, Aldo Trezza, Emilio Vanacore, Pasticceria Carmen di Gennaro Vecchione. Automotonautica Ge.Na srl, Mamma Grazia di Giuseppe Bevilacqua e Pasquale snc, Bignardi Boutique della sposa di Maria Elisa Morrone, Massimo Cavallaro srl, ceramica Francesco De Maio, Coppola Industria alimentare, Giuseppe Corsale, Colinauto, Maiorano Giocattoli di Silvana Di Muro, Edil Biancamano, Eredi Gaetano Grimaldi, Fratelli D’Acunzi srl, Francesco Siano & Figli srl, Friggitoria Sabatino di Emilia Sabatino, Gaetano Buscetto industria costruzioni meccaniche, Lamberti Cordami srl, Le Valli delle Najadi di Giuseppe Ambrosio Leonetti & Gallucci srl, Pasticceria Romolo srl, Donato Murino, “Lucio Nobile” di Gianluigi Nobile, Nola Ferramenta, Pasticceria Giuseppe Lamberti, Pisano Arredamenti di G. Pisano &C. snc, Sa.Car Forni srl, Salp srl, Carlo Scaldaferri & Figli di Marco Scaldaferri e C. sas, Angelo Michele Sessa & C. sas, “Super salumeria Amalia” di Gerardo Somma, “Stabile Antonio” di Nicola Stabile. Imprese storiche imprenditori eredi, 100 anni di attività: Salvatore Campitelli, Cicalese 1898 srl, Michele Greco srl, Giovanni Scafuro. Imprese storiche imprenditori eredi, 150 anni di attività: “Hotel Scapolatiello” -snc di Scapolatiello Giuseppe & C., “Pasticceria Imperio” di Anna Pierri, “Pasticceria Pantaleone” di Luigi e Mario Pantaleone – snc.

Dai 35 anni ai 150 anni attività. Le imprese che hanno fatto la storia a Salerno hanno resistito alla crisi, crescendo e contribuendo allo sviluppo di un territorio da anni martoriato e messo in disparte. Ma a Salerno c’è chi resiste e lo fa anche bene. Dalla più giovane alla più anziana delle imprese, tutte premiate con un riconoscimento che vede la bellezza di una città e di una provincia che si è contraddistinta nel tempo per la serietà e soprattutto per la resistenza o per la resilienza. «Sono imprese che hanno segnato, con la loro esistenza e la loro crescita, un tratto d’identità della nostra città – ha sottolineato il primo cittadino di Salerno Enzo Napoli – leggendo i nomi delle imprese che saranno premiate, ho letto proprio i nomi che risuonano alle mie orecchie come nomi che hanno accompagnato la mia vita. Sono aziende benemerite che hanno svolto con grande professionalità e abilitazione una grande funzione sociale. Credo che il riconoscimento della Camera di Commercio a loro conferito sia assolutamente meritato e indirettamente va a questa città». Un riconoscimento dunque che va proprio alla città di Salerno in particolare, ma soprattutto a quelli che sono diventati un’identità specifica e l’emblema soprattutto non solo per i salernitani ma anche per chi sceglie Salerno come meta turistica. Simboli di una città che Premiate circa 80 attività che sul territorio hanno resistito a denti stretti con professionalità IL PREMIO/ Il riconoscimento da parte della Camera di Commercio. Di generazione in generazione, ecco come hanno sconfitto la crisi viene ricordata proprio per le attività presenti sul territorio. Perchè se è vero che Salerno “vanta” numerosi problemi dalla sicurezza all’igiene urbana, basterebbe assaggiare un dolce tipico, un piatto tipico o addirittura rivolgersi a un commerciante per qualsiasi problema che la saracinesca rimane sempre aperta anche dovrebbe essere chiusa. Ed è proprio chi rimane in piedi per amore della professione, ma soprattutto per amore dei “clienti” che è riuscito ad ottenere un riconoscimento da appendere alla giacca come medaglia al valore e al coraggio. Perchè di coraggio si tratta per resistere di generazione in generazione e portare avanti con coerenza e progfessionalità un servizio ai cittadini e ai turisti che rimane impresso nella mente di chi Salerno la vive a 360 gradi e la respira a pieni polmoni. Dunque vale come ringraziamento, ma non solo. Un riconoscimento che rappresenta la forza di andare avanti, nonostante tutto.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->