Cuozzo chiama a raccolta aziende e sindacati: «Riprendiamoci le competenze nei trasporti»

Scritto da , 24 Aprile 2013
image_pdfimage_print

Un bacino provinciale per riappropriarsi delle competenze in materia di trasporti. Competenze di cui la Provincia di Salerno, così come il Comune, sono state svuotate con la nuova finanziaria regionale e il bacino unico con cui la Regione intende presentarsi alle prossime gare europee per l’affidamento dei servizi.
Ieri, l’assessore provinciale ai trasporti, Michele Cuozzo, ha chiamato a raccolta tutti gli attori del comparto del tpl per fare il punto della situazione. L’ipotesi è, appunto, quella di creare un unico consorzio provinciale che si presenti alle gare e che possa avere, in tal modo, voce in capitolo senza dipendere esclusivamente dalle decisioni della Regione Campania che, invece, il bacino unico lo vuole regionale. Diffidenti rispetto all’ipotesi avanzata, i piccoli privati che temono di perdere la propria “indipendenza”; un’altra soluzione da percorrere potrebbe essere quella della creazione di Ati (ossia associazioni temporanne di imprese) per poter partecipare alle gare.
Ma l’obiettivo è quello di dire la propria sul trasporto pubblico anche perché il territorio salernitano «merita e necessita di particolare attenzione» – afferma l’assessore provinciale Cuozzo. «I territori – spiega – devono essere coinvolti in un settore importante come quello dei trasporti. Quello di Salerno, poi, è un territorio particolare, con zone montane e costiere. La provincia di Salerno vuole essere partecipe nelle scelte – ha proseguito Cuozzo – e pretende autonomia, pretende di dire la propria e di essere artefice delle scelte». A tal proposito, l’assessore apre volentieri ad un dialogo con il Comune di Salerno, perché «allo stesso modo sono stati svuotati delle competenze e se ne deve riappropriare anche perché – dice Cuozzo – Salerno è il Comune capoluogo e la sua importanza nei servizi di tpl è fondamentale».
Dello stesso parere il segretario provinciale della Fit Cisl, Sergio Galdi: «Gli enti locali, Provincia e Comune di Salerno, con la nuova finanziaria regionale vengono svuotati delle proprie competenze e devono riappropriarsene. La posizione di Vetrella è chiara ma speriamo di potere ottenere qualcosa che non sia la gara unica regionale». Oggi, in Regione, ci sarà un incontro per discutere proprio di questa tematica.

 

24 aprile 2013

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->