Cstp, si insinuano altri 82 creditori. Udienza il prossimo 14 novembre

Scritto da , 31 ottobre 2014
image_pdfimage_print

Altre 82 insinuazioni tra i creditori del Cstp. Sono quelle tardive di cui si discuterà, presso il tribunale fallimentare di Salerno, il prossimo 14 novembre dinanzi al giudice delegato Maria Elena Del Forno. Si è infatti chiusa la complessa fase di accertamento dei debiti dell’azienda di trasporto, tassello propedeutico al definitivo lasciapassare da parte del ministero all’amministrazione straordinaria. Nel corso della settimana, infatti, il commissario straordinario Raimondo Pasquino, insieme al – da domani ex – direttore generale dell’azienda Antonio Barbarino ed al legale Giuseppe Fauceglia si sono recati dal magistrato proprio in vista dell’importante udienza che si terrà alla metà del mese prossimo. In ballo c’è ancora l’approvazione del piano di risanamento aziendale che da diversi mesi è ormai nelle mani dei funzionari del Ministero del Lavoro: il dicastero, infatti, dovrà dare il proprio via libera all’importante documento redatto dalla società per trascinarsi fuori dalla palude di difficoltà in cui è finita ormai quasi quattro anni fa. Le difficoltà principali risiederebbero tutte nella tenuta del piano di rientro dall’esposizione debitoria che ammonta a circa 27 milioni di euro. Al momento, pare che ancora nessuno delle varie soluzioni ipotizzate per riuscire nell’impresa sia concretamente partita, come ad esempio la vendita di alcuni depositi giudicati non strategici o quella della sede di piazza Luciani. Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare qualche segnale da Roma, nella speranza che sia positivo. (man)

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->