Cstp: ipotesi obbligo di servizio con la Provincia. Bilancio trimestrale: persi 700 mila euro

Scritto da , 5 Aprile 2013
image_pdfimage_print

Le lettere d’obbligo di servizio potrebbero essere il prossimo passo anche per il Cstp e i suoi chilometri extraurbani. Potrebbe essere questa la strada da intraprendere nel caso in cui il contratto di servizio con la Provincia di Salerno dovesse recare l’ormai famoso taglio del 10%. Un contratto che lo stesso presidente del collegio dei liquidatori, Mario Santocchio afferma di non voler firmare se peggiorativo e che comunque passerà, prima di qualsiasi decisione, sia dall’assemblea dei soci che al vaglio dei sindacati. «Ho parlato l’altro giorno con l’assessore Cuozzo – ha affermato Santocchio – e mi ha assicurato che stanno facendo il possibile per non rendere attuativo il taglio. Noi, al momento, abbiamo chiesto il riconoscimento di alcune linee extraurbane come linee urbane e che pertanto dovranno essere pagate con quel corrispettivo (ovvero 2.69 centesimi).
Entro la fine del mese, poi, sarà presentato anche ai sindacati il bilancio del primo trimestre del 2013. Le cifre, secondo prime indiscrezioni, non sono confortanti: nei primi tre mesi dell’anno, infatti, è stata registrata una perdita d’esercizio di circa 700 mila euro dovuta alla mancata fatturazione di un milione e 300 mila km. Un ammanco dovuto al fatto che il parco rotabile aziendale versa in pessime condizione, situazione che, in pratica, non ha consentito l’espletamento del servizio causando, così, una perdita di poco meno di un milione di euro all’azienda nel primo trimestre 2013. Nella mattinata di ieri, azienda e sindacati hanno discusso della questione consulenze con il Cstp che, dopo la richiesta delle sigle sindacali, ha mostrato l’origine di quei 920 mila euro di debiti, registrati nel piano concordatario alla voce professionisti. Si tratta, per lo più, dei compensi dei legali che si sono occupati delle vertenze, in primis quella con la Regione Campania.

 

5 aprile 2013

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->