Cresce il numero di incidenti e vittime della strada

Scritto da , 21 Marzo 2019
image_pdfimage_print

La Prefettura di Salerno e l’Amministrazione provinciale, d’intesa con la Regione Campania e il comune di Salerno, nell’ambito della collaborazione interistituzionale, hanno organizzato una giornata formativa sul tema della “sicurezza stradale”, svoltasi ieri presso il Palazzo della Provincia. “Un argomento delicato ha sottolineato il Prefetto Russo in apertura dei lavori perché afferisce al tema più generale della “sicurezza”, core business del Ministero dell’Interno e delle Prefetture nonché “bene collettivo” che appartiene a tutti noi come cittadini, e allo stesso tempo attuale in quanto, dopo un momento storico di decrescita dell’incidentalità stradale, negli ultimi anni si è registrata invece un’inversione di tendenza, con un aumento considerevole del numero degli incidenti e delle vittime”. Infatti, dall’analisi degli ultimi dati Istat (nel 2017, a livello nazionale, si sono verificati 174.933 incidenti stradali con lesioni, con 3.378 vittime e 246.750 feriti), è evidente che, sebbene vi sia stata una riduzione del fenomeno, gli obiettivi previsti dal “Programma europeo sulla sicurezza stradale 2011-2020” non sono stati ancora pienamente raggiunti, specialmente in alcune regioni come la Campania, ove la diminuzione registrata si attesta in un range tra il 5% e il 15%. Pertanto, in linea con la direttiva del Ministero dell’Interno del 21 luglio 2017, la Prefettura di Salerno ha attivato, già da alcuni mesi, l’”Osservatorio sulle politiche di sicurezza stradale”, organo permanente che, in collaborazione con tutte le Forze di polizia del territorio e le Polizie municipali, opera per dare attuazione a strategie comuni di contenimento del fenomeno. In tale contesto, si inserisce l’iniziativa di oggi, ideata con la finalità di fornire utili strumenti di analisi e approfondimento, nell’ottica di un aggiornamento professionale integrato tra Polizie Locali e Forze di Polizia statali. Dopo l’intervento del Prefetto e i saluti del Presidente della Provincia, del Sindaco della città di Salerno e del direttore regionale della Scuola di Polizia Locale, è stato dato ampio spazio ai contributi dei qualificati relatori Prefetto Sgalla, già Direttore Centrale della Polizia Stradale del Ministero dell’Interno, e Giandomenico Protospataro, Primo Dirigente della Polizia di Stato, che hanno approfondito le cause del fenomeno – individuabili nella guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, nel mancato rispetto dei limiti di velocità e nelle condotte che costituiscono motivo di distrazione per i conducenti, come l’uso dello smartphone alla guida -illustrando gli strumenti operativi messi in campo per la prevenzione ed il contrasto dello stesso, con un focus sul reato di “omicidio e lesioni stradali”, introdotto nel nostro ordinamento giuridico con la legge numero 41 del 2016. L’iniziativa, ampiamente partecipata con la presenza dei sindaci e comandanti delle polizie municipali della provincia, ha riscosso grande consenso quale momento di confronto dialettico e dialogo interistituzionale per “ripensare” le problematiche da un’angolatura differente: non quella “settoriale” del singolo ente con poche risorse a disposizione, ma quella più ampia fondata sulla massima collaborazione tra tutte le componenti del “sistema”, nell’ottica di una sicurezza sempre più integrata e partecipata. Al termine, dopo la tavola rotonda pomeridiana, i lavori si sono conclusi con l’intervento del Governatore della Regione Campania

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->