Cozzolino-De Luca, accordo saltato e bufera nel Pd campano

Scritto da , 21 luglio 2014

Accordi e disaccordi agitano il Partito democratico in Campania e fanno gongolare il governatore Stefano Caldoro. “Vinceremo grazie alle spaccature della sinistra”, ripetono in coro gli uomini piu’ vicini al presidente uscente. E fino a questo momento la speranza, anzi la previsione, sembra tutt’altro che azzardata. Lo scontro che agita in queste ore il Pd campano e’ quello tra Vincenzo De Luca e i cosiddetti “ragazzi”, ovvero i due fedelissimi campani di Matteo Renzi: Francesco Nicodemo e Pina Picierno. Ma dietro le quinte, in queste ore, si e’ consumato un altro strappo, profondo e destinato ad avere imprevedibili ripercussioni nel partito: quello tra lo stesso De Luca e l’europarlamentare Andrea Cozzolino. Stando a quanto ricostruito dal VELINO sulla base del racconto di diverse attendibili fonti, dietro lo scontro violentissimo di queste ore tra Luigi De Magistris e Cozzolino c’e’ appunto la rottura dell’asse tra l’ex delfino di Antonio Bassolino e il sindaco di Salerno. L’accordo prevedeva uno schema molto semplice: Cozzolino avrebbe aiutato De Luca alle primarie per il candidato del centrosinistra alle regionali e in cambio il sindaco di Salerno lo avrebbe sostenuto nella corsa alla successione di De Magistris. Tra i “codicilli” dell’accordo c’era anche che De Luca avrebbe continuato a “martellare” l’ex pm, spianando la strada a Cozzolino. Tuttavia De Luca, non solo rompe l’accordo, ma addirittura stringe una sorta di “santa alleanza” proprio con De Magistris. Facendo andare su tutte le furie l’europarlamentare piddino.

Consiglia