Corruzione, arrestato direttore Agenzia Entrate di Salerno

Scritto da , 15 Febbraio 2019
image_pdfimage_print

Corruzione e istigazione aggravata alla corruzione, detenzione e porto illegale di armi da sparo clandestine, ricettazione e turbata liberta? degli incanti aggravata dal metodo mafioso: sono questi i capi di accusa che hanno portato ai domiciliari Emilio Vastarella, direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Salerno e all’arresto di un imprenditore del settore caseario, Gianluca La Marca, amministratore del caseificio Tre Stelle di Eboli e di un ex collaboratore di giustizia gia’ affiliato alla camorra, il pluripregiudicato Giovanni Maiale. Le indagini hanno accertato questo: orologi e bracciali in oro e brillanti servivano per ottenere ‘sconti’ su pendenze tributarie. L’operazione e’ stata condotta dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri di Salerno. La Marca, avvalendosi delle intimidazioni attuate da Maiale, faceva in modo che altri imprenditori venissero minacciati e scoraggiati ad acquistare alle aste giudiziarie, impossessandosi cosi’ di una azienda di allevamento e produzione di latte di bufala. La Marca, inoltre, aveva attuato negli anni una politica di forte espansione economica, sfruttando risorse provenienti da una massiccia evasione fiscale attuata dall’azienda di famiglia. Per risolvere le pendenze tributarie che aveva con il fisco, l’imprenditore caseario si era rivolto al funzionario dell’Agenzia delle Entrate corrompendolo con un bracciale da donna in oro e brillanti e un orologio, ottenendo in cambio uno ‘sconto’ di oltre 60mila euro. Non solo, ottenuto dal caseificio anche lo sblocco di un ingente rimborso iva che l’Agenzia delle Entrate aveva, come per prassi, congelato in presenza delle controversie tributarie. Per questo vantaggio economico conseguito illecitamente, il gip aveva gia’ accolto la richiesta di sequestro preventivo avanzata dalla Dda e la Guardia di Finanza aveva sequestrato piu’ di un milioni di euro sui conti correnti del caseificio. “E’ sicuramente un’indagine che ha consentito di scoperchiare una realta’ inquietante. La Procura della Repubblica – ha spiegato il Procuratore della Repubblica Vicario Luca Masini – ha impiegato risorse importanti, utilizzando Polizia Giudiziaria altamente specializzata. C’e’ stato un episodio corruttivo gravissimo. Si procedera’ anche per altre ipotesi di reato come l’evasione fiscale massiccia. Inquietante anche il ruolo di un collaboratore di giustizia che nel 1994 aveva fatto una precisa scelta e che adesso ritorna sulla scena, utilizzato per la sua capacita’ intimidatoria. Maiale ritorna a calcare le scene e ritorna nel territorio dove lui all’epoca era stato condannato per associazione a delinquere ed estorsione, dopo aver ottenuto la capitalizzazione, cioe’ l’erogazione da parte dello Stato di una somma di denaro di solito anche cospicua nei confronti dei collaboratori di giustizia che hanno esaurito il proprio apporto contributivo”. L’Agenzia delle Entrate, ha assicurato, “adottera’ tutti i provvedimenti previsti dalla normativa interna e contrattuale nei confronti del dipendente indagato, riservandosi la possibilita’ di costituirsi parte civile nel processo penale a tutela della propria immagine”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->