Contromano autorizzato per tornare a casa L’auto blu sbuca dal divieto e tampona scooter

Scritto da , 16 settembre 2017

Andrea Pellegrino

Era stato pizzicato anche dal finto vigile urbano delle Iene. Nonostante tutto, però, l’allora sindaco – oggi governatore della Campania – Vincenzo De Luca ha proseguito nella sua marcia contromano per rincasare. Ma ieri, però, qualcosa è andato storto durante il percorso privilegiato consentito alla macchina presidenziale. L’auto con a bordo il governatore, infatti, ha urtato un motorino guidato dalla studentessa Sara, 22enne salernitana, che è stata poi costretta alle cure dei medici all’ospedale “Ruggi d’Aragona”. Nulla di grave, fortunatamente, solo un grandissimo spavento per la giovane e i suoi familiari. Secondo la dinamica dei fatti, l’auto del presidente è sbucata da via Negri per immettersi su via Giovanni Lanzalone. Qui ha impattato con lo scooter che seguiva il regolare senso di marcia. Contrariamente all’Audi sbucata contromano da via Negri. Nessuna infrazione, però, ufficialmente per De Luca ed il suo autista. All’ingresso della traversa, infatti, da tempo, sotto il divieto di accesso, c’è un ulteriore cartello: “Eccetto mezzi di polizia”. Tra questi, dunque, rientrerebbe anche l’auto dell’allora sindaco e dell’attuale governatore della Campania che abita a pochi metri da lì. Ieri, in particolare, De Luca stava rincasando dopo il consueto venerdì mattina trascorso negli uffici del Genio Civile di via Porto. E così, come spesso accade, anche questa volta l’autista aveva scelto il percorso più breve (sostanzialmente si risparmia un giro di un palazzo) per accompagnare il presidente presso la sua residenza. L’incidente si è verificato intorno alle 15,00. Immediatamente dopo l’arrivo dell’ambulanza, sul posto sono giunti anche i carabinieri per i rilievi del caso. Oltre che, naturalmente, numerosi curiosi.

LE REAZIONI

Il caso, oltre le Iene, era stato sollevato da diversi esponenti politici. Da M5s e Fi critiche dure a De Luca: “Disprezza le regole, è un pericolo per la Campania”. Il consigliere comunale Dante Santoro (Giovani Salernitani – DeMa) ricorda: “Con una richiesta ufficiale protocollata negli uffici del Comune di Salerno il 27 aprile avevo già richiesto di rimuovere il cartello segnaletico in via Negri che autorizza l’accesso in controsenso delle Forze dell’ordine”. “Non esistono i presupposti per l’apposizione di tale segnaletica stante l’omessa presenza di presidi in zona di uffici

delle forze dell’ordine”. Inoltre Santoro nel documento continuava chiedendo agli uffici competenti la relazione propedeutica all’emissione dell’ordinanza sindacale che autorizzava l’installazione del segnale. “Già ad aprile avevamo ri- chiesto la rimozione di quel segnale simbolo di un odioso privilegio e di un pericolo dovuto ad un’incosciente arroganza del potere e ad uno spregio delle regole – ha continuato Santoro – Niente giustificava il permesso di transito contromano di un’auto di polizia, specialmente in una traversa pericolosa e stretta. Le nostre richieste sono rimaste inascoltate e purtroppo dobbiamo commentare una notizia incresciosa. Ribadisco che il segnale va rimosso subito. Il mio pensiero va alla giovane investita, a cui va anche tutta la mia solidarietà”.

 

«Crede di essere al di sopra della legge»

De Magistris: «Le regole si rispettano»

“Da sempre denunciamo che questo presidente che si crede al di sopra della legge è un pericolo per la Campania. Purtroppo ne abbiamo avuto l’ennesima prova, con una giovane che ha rischiato di rimanere uccisa dall’auto di De Luca che percorreva una strada con tromano”. A dichiararlo è Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania, facendo riferimento a un incidente avvenuto a Salerno tra l’auto a bordo della quale viaggiava il governatore campano e uno scooter con a bordo una ragazza. “Chi rappresenta le istituzioni – aggiunge Ciarambino – dovrebbe essere un esempio inappuntabile di rispetto della legalità. E invece in Campania siamo governati da chi si mette costantemente la legge e le istituzioni sotto i piedi. Purtroppo il disprezzo per la legge di quest’uomo arrogante e senza etica ha portato una ragazza in ospedale”. Ciarambino ricorda che “non è la prima volta che il presidente non rispetta il codice della strada: già a febbraio 2015 ‘Le Iene’ lo ave- vano beccato a percorrere un divieto d’accesso solo per risparmiare qualche minuto sul percorso verso casa. La misura è davvero colma: De Luca dimostra ogni giorno di più la sua indegnità. Speriamo che la ragazza investita possa rimettersi presto”, conclude Ciarambino. Rincara de Magistris (ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli): «C’è poco da commentare: contromano non si può andare». «Le regole vanno rispettate e vale per tutti – ha affermato – bisogna sempre stare molto attenti. Vediamo la dinamica che verrà fuori dagli accerta- menti».

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.