Controlli al Cimitero. Portantini abusivi abbandonano bara defunto

Scritto da , 2 aprile 2016
image_pdfimage_print

Abbandonano la bara con il defunto al suo interno e scappano per non essere identificati. E’ accaduto a Salerno ad una nota impresa di pompe funebri che utilizzava portantini “in affitto”  per evitare di pagare i contributi, ma soprattutto per risparmiare sugli stipendi. Il fatto sarebbe accaduto alcuni giorni fa nei pressi del cimitero di Salerno dove da qualche tempo sono aumentati i controlli sul personale delle imprese funebri che trasportano i defunti.

Quello del lavoro nero nelle agenzie di pompe funebri è un fenomeno che negli ultimi tempi è diventato molto preoccupante con l’impiego da parte di agenzie di  lavoratori  senza diritti e garanzie  riconosciute  al  personale regolarmente  assunto, svincolavandosi dagli  obblighi previdenziali ed  assistenziali.

Ispettorato del lavoro e le forze dell’ordine da tempo hanno attuato un giro di vite per scovare i presunti furbetti dell’ultimo viaggio. In pratica secondo la normativa vigente la salma può essere trasportata solo da personale regolarmente assunto e non utilizzando precari o lavoratori a nero

Nonostante ci siano regolamenti stringenti per i servizi di onoranze, la mancanza di controlli costanti, soprattutto nel passato, sembrano avere dato la stura ad un fenomeno di irregolarità ora sotto la lente delle autorità preposte.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->