Colantuono: «Puniti da un episodio a sfavore»

Scritto da , 5 novembre 2018
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

Stefano Colantuono non fa un dramma dopo la battuta d’arresto arrivata al “Penzo” di Venezia. Nonostante la prestazione della Salernitana sia stata anonima, il tecnico non è preoccupato: “E’ stata una partita strana, come capita sempre alla fine di un trittico. Solitamente viaggiano sempre sul filo dell’equilibrio, il Venezia ha trovato l’episodio per sbloccarla e non ha più tirato in porta. Siamo stati sfortunati per la traversa colpita quando avevamo il pallino del gioco in mano, e lì sarebbe cambiata la partita. E’ una gara difficile da commentare -aggiunge il tecnicoloro si sono esclusivamente difesi, non siamo riusciti a trovare il varco giusto e col passare del tempo abbiamo fatto ancora maggiore fatica”. L’uscita dal campo di Di Gennaro ha ulteriormente complicato il match per i granata. Colantuono precisa che non è stata per scelta tecnica: “Davide ha avvertito un problemino muscolare e sono stato costretto a cambiarlo”. La mossa Djuric, alla luce della prestazione sconcertante del bosniaco, è a dir poco opinabile: “Ha fatto fatica come pure Bocalon, visto che sono arrivate poche palle giocabili. Andre Anderson? Volevo testarlo in gare difficile come queste, l’ho testato sia da trequartista che da esterno e ha fatto bene. Ha ottimi colpi, va atteso visto che non parla ancora la lingua, ma può fare davvero bene”. Tornando alla disamina dell’incontro, Colantuono prova a trovare una spiegazione alla prova deludente dei suoi: “Dispiace per il gol subito perché è nato da un nostro errore in una ripartenza importante a nostro favore. Abbiamo avuto personalità, non abbiamo trovato la giocata giusta o la lettura negli ultimi venti metri per passare in vantaggio. Il Venezia – continua Colantuono- ha avuto la fortuna di andare in vantaggio, noi l’abbiamo sprecata e siamo stati puniti. Potevamo essere più lucidi e mestieranti, evitando di fare alcuni falli. Capita, dispiace ma il campionato va avanti. Quando perdo non sono mai contento -conclude l’allenatore della Salernitana- ora l’importante è ripartire subito anche perchè quella di oggi era una gara importante ma non decisiva”.

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->