Colantuono, minestra riscaldata

Scritto da , 18 Ottobre 2021
image_pdfimage_print

di Tommaso D’Angelo

Che Castori abbia sbagliato le sostituzioni è apparso evidente a tutti, doverlo difendere è un esercizio che non mi sarei mai aspettato di fare. Che Marchetti abbia deciso lui di esonerare il tecnico è una barzelletta. Il ritorno di Colantuono, tecnico che scappò dalla Salernitana per i suoi disastri, è un valzer laziale cui abbiamo assistito per anni. Menichini, Bollini, Gregucci ecc. ecc. Castori conosceva lo spogliatoio e i giocatori lo seguivano, quello spogliatoio che Colantuono non seppe gestire e lo fece fuggire. Si vede lontano un miglio la mano di Lotito, credo che Marchetti non sappia nemmeno chi sia Colantuono, tecnico in caduta libera che ha accettato quello che passa il convento pur di allenare. Nicola e Iachini erano un sogno: nessuno si impicca da solo per una squadra incompleta e tecnicamente scarsa. Invece di processare Castori era opportuno rafforzare subito la squadra. Ora una mossa per distrarre i tifosi, tanto tra i due allenatori cambia poco se non in peggio. Per le modalità e per la qualità della scelta non c’è dubbio: Lotito ci rifila la solita minestra riscaldata.

Consiglia

1 Commento

  1. Luigi

    18 Ottobre 2021 at 12:16

    Castori sbaglia le sostituzioni, ma Castori ha schierato sempre Simy come un attaccante qualunque. Ha mai visionato i 20 goal dell’ultimo campionato.? Ha capito che Simy è attaccante di area e gioca di faccia alla porta.? Simy non è a suo agio sui palloni da recuperare a centro area od essere servito di spalle e lontano dall’area avversaria.I rifornimenti devono giungere prevalentemente lateralmente e palla bassa. Castori doveva adattate il gioco su Simy e non viceversa, altrimenti poteva accountarsi di un attaccante qualunque. Che dire, poi, del rifiutareViola? Non sarà n grande cambio ma io preferisco Colantuoni.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->