Charlot incontra il genio di Pulcinella

Scritto da , 21 giugno 2017

XXIX edizione del premio presentata ieri mattina a palazzo di Città. I nomi di spicco Arturo Brachetti, Gaetano Curreri, Milena Vukotic con Eugenie Chaplin che nel quarantennale della morte del padre presiederà per l’intero corso della kermesse

Di OLGA CHIEFFI

Tanti colori sul volto di uno Charlot perplesso è l’icona di questa XXIX edizione del premio che è presentata questa mattina, dal patron Claudio Tortora, a Palazzo di Città, alla presenza del Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, del sindaco di Salerno Vincenzo Napoli e dell’attore Alessandro Siani. Edizione importante questa del 2017, in primo luogo per le celebrazioni del quarantennale della morte di Charlie Chaplin e in secondo luogo, poiché fa da preludio al trentennale del premio, che si tenterà, nel 2018 di farlo durare un intero anno. Torna Eugenie Chaplin, che sarà in arena col grande pubblico salernitano dal 23 al 29 luglio. Se il sipario sulla kermesse dedicata a Charlot verrà inaugurata sugli schermi del teatro delle Art, con una splendida rassegna cinematografica da non perdere, visto che gli orari lo permettono, con tre spettacoli gratuiti alle 18, alle 20 e alle 22, con titoli che hanno scritto la storia del cinema, a cominciare da “Il Monello”, un film con un sorriso e forse una lacrima, passando a “Luci della città”, quel “contrappunto di grazia e delicatezza, che esprimesse il sentimento, senza il quale l’opera d’arte è sempre incompleta”, come dice il nostro Chaplin, “Lumiere!” l’invenzione del cinematografo, l’avventura della famiglia che ha inventato il Cinema: Antoine, pittore e fotografo, i due figli Louis e Auguste così capaci che, ancora adolescenti, prendono le redini dell’industria di famiglia, che restituisce il mondo al mondo, e ancora “Stromboli, Terra di Dio”, di Roberto Rossellini, con il pescatore salernitano Mario Vitale e per chiudere, “Manhattan” uno dei gioielli di Woody Allen, nato per amore della musica di George Gershwin, con lo stesso Allen chiuso in una dimensione magica di un bambino mai cresciuto e il volto di Tracy (Mariel Hemingway) a riempire lo schermo in un finale che riporta alla mente quello, appunto di “Luci della città”, l’8 luglio in arena, ritorna il blues con la semifinale dell’Italian Blues Challenge e l’esibizione di Fabrizio Poggi and Chicken Mambo. Quest’anno lo Charlot ospiterà anche suggerimenti per i lettori, con quattro appuntamenti a palazzo di Città. Ad inaugurare la mini-rassegna Mario Luzzato Fegiz che in un dialogo con Gabriele Bojano il 22 luglio presenterà “Troppe Zeta nel cognome” uscito per Hoepli in cui il critico musicale racconta gli artisti in quella linea immaginaria tra palco e realtà. Seguiranno Claudio Tortora e la sua “Vita d’artista e Franco Bagnasco con “Il peggio della diretta” in due incontri condotti da Roberto Ritondale e Gabriele Bojano, mentre “La Macchinazione: Pasolini. La verità sulla morte” scritto da David Grieco, edito da Rizzoli, vedrà in sala, moderati da Stefano Pignataro, Presidente del Consiglio degli Studenti del Dipartimento di Studi Umanistici del nostro ateneo, l’autore del volume, Milena Vukotic e il direttore del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Unisa, Rosa Maria Grillo. Il 23 luglio si alzerà il sipario, all’Arena del Mare, sulla finale dello Charlot Giovani, che sarà condotta da Marita Langella e che vedrà l’esibizione di sette giovani cabarettisti. Ospiti della serata Massimiliano e Gianfranco Gallo e il giovane violinista di Campagna, Giuseppe Gibboni, appena sedicenne, pupillo di Salvatore Accardo, il quale renderà un omaggio al Chaplin violinista e compositore con un florilegio dei temi de’ Il Monello e di Limelight, con la madre Gerardina Letteriello al pianoforte. Il 24 luglio, sempre all’Arena, sul palco ci saranno dieci dei cabarettisti dello Charlot Lab e i cantanti Ermal Metal e Flo. Il 25 luglio serata all’Arena del Mare, dedicata alla fantasia e alla favola, con la Compagnia dell’Arte che presenta “C’era una volta Bella e la bestia”, ospiti Mascha e Orso, i burattini di Adriano Ferraiolo e Vincenzo Di Domenico e il suo Bollicinema. Il 27 luglio il sipario si alzerà su Francesco Cicchella affiancato dagli Oblivion, in the Human Juke Box. Il 28 luglio, si terrà la serata di gala. Nella quale ci sarà anche la consegna dei Premi Charlot per le categorie Cinema, Teatro, Fiction, Televisione, Radio e Pubblicità. Riconoscimenti che saranno assegnati dalla giuria presieduta da Nino Petrone e composta da Marino Bartoletti, Andrea Biondi, Valerio Caprara, Annabella Cerliani, Alessandra Comazzi, Gianfranco Coppola, Titta Fiore, Luigi Grispello, Umberto Inverso, Claudio Mattone, Pierfrancesco Pingitore, Roberto Ritondale, Roberto Rosseti, Claudio Tortora, Enrico Vanzina, Maria Volpe e Mario Zaccaria. Sotto la luna salernitana, nella serata condotta da Gigi e Ross, sarà Arturo Brachetti (Premio Charlot Grandi Protagonisti dello Spettacolo) che evocherà Charlot che riuscirà in mezz’ora a far cogliere ancora di più la grandezza di regista, attore, compositore, mimo, circense che proprio grazie alle sue maniacali ossessioni per la perfezione regala oggi quelle stesse emozioni di cui era capace Chaplin. Con lui, il leader de Gli Stadio, Gaetano Curreri (Premio Charlot Grandi Protagonisti della Musica) che canterà alcuni dei suoi brani più celebri, oltre ad un omaggio a Chaplin. Un padrino e una madrina d’eccezione: Michele Placido e Laura Morante, la nonna più amata d’Italia, Nonna Enrica (Un medico in famiglia) alias Milena Vukotic (Premio Charlot alla Carriera), ed infine Paolo Graldi (Premio Charlot Giornalistico). Ancora sarà dato un premio speciale ad Alessandro Siani, per la sua attività cinematografica, teatrale e televisiva, e per i numerosi successi che è riuscito, meritatamente, ad ottenere. Diverse le nomination: per il Cinema in gara ci sono: “La stoffa dei sogni”, “L’ora legale”, “La Macchinazione”, per il Teatro: L’ispettore Drake, Diana Lady D, Il sindaco del rione Sanità, Televisione: Edicola Fiore, Ballando Con le Stelle, Rischiatutto; Fiction :I Bastardi di Pizzofalcone, La porta rossa, Che dio ci aiuti, Radio: Deejay Chiama Italia, Ruggito del coniglio, Rtl 102.5 non stop news, Spot Pubblicitari: Tim, 10 e lotto, Esselunga Natale. Il sipario del Premio Charlot calerà il 29 luglio con lo spettacolo evento di Alessandro Siani.

 

 

Consiglia