Celano porta a cena Roscia, Sarno, Salzano e De Feo

Scritto da , 4 febbraio 2016

di Andrea Pellegrino

Una cena per ricompattare l’altra parte del centrodestra. Ieri sera Roberto Celano, consigliere comunale e promotore della civica “Attiva Salerno” ha raccolto intorno ad un tavolo di un ristorante della zona industriale, esponenti del centrodestra e scontenti azzurri. Tra questi Antonio Roscia, presidente del Club Forza Silvio che ha già annunciato la sua presa di distanza con la candidatura a sindaco di Gaetano Amatruda voluta ed ufficializzata da Forza Italia. Tra l’altro Roscia nelle settimane scorse aveva formalizzato ai vertici provinciali e regionali di Forza Italia la propria disponibilità a candidarsi, senza ottenere nessuna risposta in merito. Ma su Roscia è evidente il veto imposto direttamente da Mara Carfagna. Ancora, a tavola con Celano si sono seduti anche Michele Sarno, altro scontento della politica azzurra cittadina e provinciale e Ortensio De Feo. Assente giustificato, invece, a causa di un problema personale, Salvatore Memoli. Intorno alle 23 pare si sia intravisto anche il professor Aniello Salzano. Il tutto mentre s’attendono le decisioni dei Fratelli d’Italia che giocano la loro partita sui tavoli nazionali e regionali mantenendo ferma la volontà di far correre Antonio Iannone. Intanto acque agitate anche all’interno del coordinamento cittadino di Forza Italia, riunitosi ieri sera. Il metodo utilizzato da Enzo Fasano (coordinatore provinciale) e Gigi Casciello (portavoce provinciale), infatti, avrebbe creato malumori interni al direttivo, al punto che sarebbero state consegnate nelle mani del coordinatore cittadino Raffaele Adinolfi, le dimissioni da gran parte dei componenti. Dimissioni, allo stato, respinte da Adinolfi, in attesa di un incontro con il candidato sindaco Gaetano Amatruda che dovrebbe tenersi la prossima settimana. Rinviato, poi, il punto all’ordine del giorno sull’organizzazione delle prossime elezioni amministrative e sulla conseguente nomina di un responsabile cittadino. Resta il no secco alla candidatura di Amatruda di Luca Monaco, componente del direttivo cittadino che ha chiesto chiarezza rispetto alla lettera inviata da Roscia. Nel corso della riunione del direttivo, inoltre, Raffaele Adinolfi ha presentato il Caf Azzurro mentre Rossella Sessa ha illustrato l’iniziativa “Ferma il bullo” che si terrà il 26 febbraio presso il salone Bottiglieri della Provincia di Salerno. Resta da chiarire, inoltre, sempre in casa Forza Italia, la posizione di Lello Ciccone che per ora rimane sull’«Aventino», in attesa di conoscere sviluppi. Al momento sembra che non sia intenzionato a scendere in campo in prima persona nella lista azzurra. Cosa che invece quasi certamente farà l’attuale consigliere comunale Peppe Zitarosa. Tra gli altri nomi pronti a correre per un posto in Consiglio comunale c’è anche quello di Fabiana Gattola, responsabile del movimento femminile azzurro.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->