Cavese, nei big match ci pensa Fella: «Sono le sfide che più mi piacciono»

Scritto da , 30 ottobre 2018
image_pdfimage_print

Di Redazione Sportiva

CAVA DE’ TIRRENI – Correva il mese di ottobre dello scorso anno (per l’esattezza era il 29 ottobre e la giornata di campionato era la stessa ovvero la nova) ed il tanto “beccato”, fino ad allora, attaccante esterno Giuseppe Fella (che non doveva nemmeno giocare quell’incontro contro l’Az Picerno ma prese il posto di Oggiano infortunatosi nel riscaldamento) si sbloccò e da allora non si fermò più riuscendo fino alla fine del torneo a segnare ed arrivare in doppia cifra centrando il suo record personale (13 reti playoff compresi) e ad esprimere le proprie qualità. Il presidente ed il suo nuovo staff, a prescindere dalla categoria, avevano già deciso di puntare su di lui anche per quest’anno avendone apprezzato prima le doti morali e poi quelle calcistiche, tant’è che Fella (foto cavesecalcio) è stato il primo tesserato del nuovo corso targato Pavone-Modica e Sabato è riuscito finalmente a mettere il sigillo ad una buona prestazione: “Ho provato una sensazione di gioia indescrivibile, anche perché questo gol lo aspettavo, lo attendevo, lo volevo; è stata anche una mezza liberazione e sono anche contento perché questa rete ha portato alla vittoria, una grande vittoria”. Già, di gol pesanti da tre punti lo scorso torneo Fella ne realizzò ben sei e sempre in partite di una certa caratura: “Le partite importanti sono quelle che ti danno quella voglia e quella carica in più e sono quelle che a me piacciono: (sorride n.d.r.) poi arriva il gol. Abbiamo affrontato la capolista e ci sta che magari puoi soffrire al l’inizio. Poi siamo usciti fuori senza paura e senza timore ed abbiamo fatto una grande prestazione di carattere sfoderando quella determinazione e quella voglia di vincere”. Il nuovo tecnico Modica quest’anno lo ha collocato esterno d’attacco mentre lui lo scorso anno, spostato nel ruolo di interno di centrocampo sfoderò il meglio di se, ma anche in questa posizione il numero undici si è riuscito ad adattare: “Il ruolo di mezz’ala l’ho ricoperto anche negli anni passati ed il ruolo non mi dispiace perché si è comunque sempre nel vivo dell’azione. Il vantaggio semmai è che giocando esterno d’attacco sono più vicino alla porta “. L’unica nota dolente di questo avvio di stagione sono stati i calci di rigore per Fella che ne ha sbagliati due tra coppa e campionato e che a sua dire, però, non hanno influito sul suo rendimento iniziale: “Naturalmente quello fallito contro la Casertana alla prima giornata avrebbe potuto pesare di più ma in realtà l’errore non mi ha condizionato anche perché dopo pochi minuti feci l’assist per il gol di Sciamanna”. E per chiudere la dedica di questo gol “pesante”: “E’ scontato perché questa settimana dovrebbe nascere mio figlio”. Ieri intanto la squadra è tornata ad allenarsi. Il gruppo agli ordini dell’allenatore Modica si è ritrovato alle 15 allo stadio Lamberti. All’orizzonte c’è la partita in casa del Siracusa. A tal proposito va segnalato a seguito di accordi tra i due club la gara si giocherà alle 14,30 anziché alle 16,30.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->