Il progetto italiano “MakerStarts” conquista il 47° Salone delle Invenzioni di Ginevra

Oltre 500 espositori, 800 invenzioni provenienti da ogni parte del mondo, confermano questo evento vetrina internazionale d’eccellenza

Presentato a Milano alla Digital Week, il progetto MakerStarts è sbarcato anche a Ginevra, dove si è appena concluso il 47° Salone delle Invenzioni, il più importante evento in materia di brevetti ed invenzioni a livello mondiale.

Il Salone di Ginevra è stato la perfetta occasione per far apprezzare il programma, nato per valorizzare e dar voce a idee, invenzioni e brevetti industriali. Ai microfoni del nuovo magazine italiano, Il Brevetto, testata dedicata al mondo delle invenzioni, lo stesso fondatore del Salone, Jean-Luc Vincent ha definito MakerStarts «un’opportunità unica e concreta per difendere e valorizzare idee e brevetti di migliaia di inventori, perfettamente in linea con lo spirito del Salone, creato per promuovere le idee migliori, in modo da finanziare e portare sul mercato le creazioni degli inventori che sono oggi qui presenti».

«Il progetto punta a colmare il vuoto che c’è tra la presentazione dell’invenzione e la creazione di una startup attraverso il marketing – ha spiegato Giovanni Sapere, direttore editoriale de Il Brevetto e project manager di MakerStarts – in affiancamento a tutti gli inventori nella concretizzazione delle proprie idee», che ha incontrato il favore di Stefano Lorenzoni (esperto in materia intellettuale) delegato per l’Italia al Salone.

Sulla stessa linea d’onda si colloca anche il pensiero della direttrice dell’evento, Gaëlle Grosjean, e del presidente di giuria, David Taji che hanno parlato dell’importanza centrale del ruolo del marketing per lo sviluppo delle invenzioni.

«Raccogliamo indirizzi e nominativi degli inventori grazie a una collaborazione con l’organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale – ha continuato Vincent – sarà interessante creare la sinergia tra il Salone e il progetto, per dare una ulteriore visibilità alle invenzioni. Fornire assistenza marketing alle idee più innovative potrebbe essere un fattore determinante».

«Senz’altro importante il programma MakerStarts per il Salone di Ginevra – ha affermato Lorenzoni ai microfoni de Il Brevetto – il supporto di esperti di marketing che possano guidare l’inventore in un percorso imprenditoriale, è la chiave del successo per molti inventori.

Con il mio bagaglio di 22 anni di esperienza – ha continuato Lorenzoni – fornisco supporto alle iniziative come questa, per offrire un’opportunità ad alcuni espositori e inventori di accedere alla realtà imprenditoriale con il giusto approccio, per avere le carte in regola e incuriosire imprenditori ed investitori che ogni anno vengono a visitare il Salone, ma che spesso non si fermano neanche a cercare di capire l’invenzione».

«Questi inventori vengono qui perché questa è una piattaforma dove tutti si incontrano e portano le loro invenzioni – ha spiegato la direttrice, Gaëlle Grosjean – perché qui vogliono testarle, e con questo incontro sperano che le loro invenzioni possano avere un successo e trovarsi poi sui mercati. Questo processo, ovviamente, è possibile solo grazie a un buon lavoro di marketing. Il marketing è vitale, sia esso per un salone o per un prodotto. Questa è una piattaforma dove si incontrano i visitatori professionali, e gli inventori vengono qui con le loro esperienze e partono con altre. Il marketing qui vive tutto l’anno e loro sono qui proprio per questo».

Un evento unico, che punta alla difesa e all’eliminazione delle problematiche che da sempre affliggono gli innovatori, a partire dalla pesante burocrazia fino ad arrivare al fenomeno del “patent trolling”. «Esistono due scuole di pensiero – ha spiegato Taji – una che prevede che i brevetti vengano accumulati dalle grandi multinazionali per avere l’esclusiva, dall’altra, invece, c’è chi pensa che i brevetti debbano essere lasciati a disposizione di tutti, come ha fatto di recente Toyota, mettendo a disposizione i propri brevetti sulle auto ibride».

Grande soddisfazione per il direttore della testata Il Brevetto e fondatore di MakerStarts,

Giovanni Sapere: «ringrazio il salone di Ginevra nella persona del suo fondatore, Jean-Luc Vincent, per aver accolto il progetto italiano MakerStarts con entusiasmo definendolo “unico”»

L’intero programma del MakerStarts e del format sarà oggetto di meeting internazionale il prossimo 28 settembre, a Palazzo Innovazione di Salerno sebbene l’evento sta conquistando favori all’interno dell’immenso panorama dei brevetti e delle invenzioni.

Jean-Luc Vincent (centro) – presidente e fondatore del Salone di Ginevra

Stefano Lorenzoni (destra) – delegato Italiano del Salone di Ginevra

Giovanni Sapere (sinistra) direttore editoriale & projectmanager MakerStarts

 




Giornalismo e Digital Marketing – Nuove opportunità di lavoro su Salerno

Creatiwa Studio si apre all’editoria: una nuova Testata giornalistica dedicata all’Innovazione verrà lanciata ufficialmente quest’ Estate.

La nota Agenzia di Comunicazione, già autrice di importanti campagne pubblicitarie, tra tutte ricordiamo la video affissione bordo campo durante la partita della Salernitana, apre i suoi locali alla formazione lavorativa di giovani pubblicisti.

Attualmente selezionata dall’Università degli Studi di Salerno per ospitare nei suoi locali la maturazione professionale di laurendi, ha deciso di allargare questa opportunità anche ad aspiranti giornalisti, desiderosi di farsi le ossa in un ambiente altamente stimolante.

Una logica presa in prestito dalle più innovative realtà nord europee, una visione del lavoro fluida e che comporti un ricco interscambio di competenze e l’interazione tra diverse professionalità!

Ami scrivere? QUI puoi candidarti per farlo!

 




Agenzia di Comunicazione | Creatiwa Studio ed il marketing di Valore

Comunicare i valori e la filosofia di Agenzia attraverso video testimonianze dei clienti

Una strategia intelligente e non banale, che va ad esprimere il massimo potenziale  della filosofia dell’agenzia di Salerno: comunicare valore e dare valore!

L’agenzia di Comunicazione salernitana più volte ha dimostrato di avere muscoli e di creare interessanti soluzioni di marketing e comunicazione: dall’inserzione dinamica allo Stadio Arechi durante una partita della Salernitana al video virale realizzato con il patrocinio dell’Associazione Vittime della Strada”.

Ogni azienda o agenzia vanta grandi risultati, numeri da capogiro, assoluta qualità e professionalità, però sono poche quelle che lo dimostrano.

Per questo la video intervista realizzata da Creatiwa Studio ai suoi clienti (alcune tra le più rilevanti realtà aziendali di Salerno e Provincia) risulta ancora più innovativa.

Negli ultimi anni si è registrato un costante aumento delle aziende che hanno deciso di intraprendere strategie e campagne su Internet: Siti, Blog e Social Media, una costante digitalizzazione che Creatiwa Studio ha cavalcato con successo negli ultimi anni, avvalendosi anche da figure giovani e dalla spiccata creatività.

Fare Digital ha un costo, soprattutto se fatto bene e con contenuti di Qualità, ma al momento rappresenta uno degli investimenti economici più sicuri, sul lungo periodo, che molte volte generano anche importanti aumenti di Fatturato.

 




Smart speaker 2018: quale scegliere ?

Manca poco al Natale, e visto che il 2018 sembra essere l’anno degli smart speaker, vediamo di fare chiarezza su quale possa essere quello più performante.

Iniziamo con il dire che queste piccole e stilose casse sono dei veri e propri maggiordomi digitali che ad ogni vostro comando eseguiranno delle operazioni.

Il loro funzionamento è molto semplice, sono casse connesse Wifi e bluetooth con un sistema intelligente integrato, ognuno è dotato di uno o più microfoni capaci di riconoscere i comandi vocali dell’utente. Poi tramite connessione Wifi e con sistema operativo e connessione Wifi, lo speaker elaborerà le richieste.

Secondo Business Insider nel 2017 erano 35 milioni le unità vendute, nel 2018 il numero in previsione è di circa 56,3 milioni, è in assoluto l’accessorio di elettronica più richiesto.

I modelli in commercio sono davvero tanti, ma in questo articolo ci focalizzeremo su due modelli in particolare: Google Home o Amazon Echo.

Google Home è consigliato per chi usufruisce quotidianamente dell’ecosistema Google (Google play, Google Chromecast etc.), chi vuole utilizzare lo smart speaker per la ricerca di informazioni per la quotidianetà (calcolo percorso, meteo, promemoria.). Google Home ha un design simpatico con possibilità di personalizzazione, la griglia che copre gli speaker infatti è intercambiabile, per abbinare colorazioni diverse che meglio si adattano al vostro ambiente. L’audio non male, ma naturalmente non regge i confronti con JBL o l’Home Pod (non ne parleremo in questo articolo).

Google Home mini

Il suono è migliore di ciò che ci si può aspettare da un gadget così piccolo, con un’uscita audio da 3,5mm, che suggerisce all’utente di utilizzarlo con un altro speaker, associabile ad altri diffusori tramite bluetooth.

Per quanto riguarda il design, Google Home Mini si presenta con una forma meno compatta. Una cura nel design per niente casuale, che rende il dispositivo quasi invisibile, ecco perchè la scelta di nascondere i comandi per il volume.

Qui il link: https://store.google.com/it/category/connected_home

Amazon Echo è consigliato per chi usufruisce quotidianamente dell’ecosistema Amazon (Shopping, Prime, Amazon Music, Amazon Kindle, Audible, Kindle e Prime Video). Ha un suo sistema integrato di assistenza vocale proprietario e si chiama Alexa. Riproduce musica, chiama, risponde al telefono, ed è possibile impostare la sveglia. Ovviamente viene tutto legato all’ecosistema Amazon, tra Music Unlimited, lettura di Kindle, acquisti nel marketplace e accordi con altri servizi esterni (da SkyTG24 a Philips HUE, a JustEat). I modelli di smart speaker venduti al pubblico italiano sono quattro: l’Echo Dot, l’Echo Standard, il Plus e l’Echo Spot. I prezzi sono molto vantaggiosi, soprattutto  se pre-ordinati adesso ( link qui)

Amazon Echo Dot, è il più piccolo ed economico della gamma, proprio come Google Home mini, il prezzo è di 59 €. Ha un driver interno da 41 millimetri, che garantisce una qualità audio più che buono. Sulla base superiore vanta quattro tasti: due per il volume, uno per l’attivazione e l’altro per lo spegnimento microfono. È il miglior modo per entrare a far parte del mondo Alexa e provare l’ebbrezza di avere un assistente “factotum” a casa. Qui trovate il link diretto al prodotto .

In conclusione, la scelta deve essere dettata dalle vostre esigenze. Se siete amanti della musica e cercate uno speaker che si sostituisca a un impianto audio con prestazioni elevate, allora meglio optare per altri speaker, studiati apposta per questo.  Se invece la finalità è l’utilizzo di un assistente e un ascolto senza pretese, allora sia Google Home che Amazon Echo sono degli ottimi prodotti.

Cosa ne pensi? Cosa hai scelto di acquistare ?

Scrivilo nei commenti




Lap lancia “We Transfer”

di Emiliano Nivelli

Un esperimento artistico per partecipare e/o reagire alle dinamiche del presente, un manifesto di condivisione culturale, un’esperienza che nasce dall’urgenza di vivere il tempo non solo come divenire, ma come opportunità di conoscenza, confronto, crescita, condivisione. Questa la folle idea partorita da Nicodemo, al secolo Nicola Pellegrino, direttore artistico della label crossmediale XXXV. Il progetto “We Transfer” sarà pubblicato a gennaio 2019 da “LAP”, il “Laboratorio Artigianale di Pazzia”. LAP è un incubatore di idee che fa incontrare e scontrare alcuni tra gli artisti più innovatori del panorama culturale italiano. Musicisti, scrittori, attori, videomaker, graphic designer ed anche visionari prelevati dalla realtà. Al centro del progetto? La trasmissione e la condivisione di contributi artistici attraverso i mezzi contemporanei, la produzione di componimenti audiovisivi non convenzionali e la crossmedialità, mettendo in connessione canali differenti per la distribuzione delle opere. Oltre 50 artisti della scena culturale italiana hanno prodotto, attraverso la condivisione di file, musica “a distanza”. Produzioni spontanee di artisti del calibro di: Roberto Dell’Era degli “Afterhours”; Kole Laca de “Il Teatro degli Orrori”; Flavio Ferri dei Delta V; Marco Fasolo dei “Jennifer Gentle”; Giorgio Consoli frontman dei “Leitmotiv” ed attore di teatro e cinema; Riccardo Tesio dei “Marlene Kuntz”; Anacleto Vitolo; Marcello Colasurdo; Teresa De Sio; Tony D’Alessio del “Banco del Mutuo Soccorso”; Jasmina Tesanovic; Garbo; Giuseppe Fontanella dei “24 Grana”; il dj old school Tony Ponticiello; il producer e voce dei “Soerba” Luca Urbani e tantissimi altri musicisti ed artisti plurimedia. Le musiche prodotte sono state mixate da Johnny Paglioli a Studio XXXV di Cava de’ Tirreni (Sa), ma l’esperimento non è per nulla chiuso. Infatti, in collaborazione con il Festival di Cinema “Linea d’Ombra”, “We transfer” si apre all’arte visiva con una #CallForVideomakers. Fino al 23 Dicembre 2018, videomaker, filmaker e produttori d’immagini di tutto il mondo, potranno contribuire artisticamente alla realizzazione di questo straordinario esperimento di “cultura trasferita”. I videomaker, sui temi del “trasferimento” (cultura/era digitale) e del “trasferirsi” (condivisione umana ed artistica) e suggestionati dall’ambientazione sonora (per loro, in ascolto privato, una preview delle musiche), produrranno un minimo di 35 secondi fino ad un massimo di 1 minuto di materiale video. I file che perverranno alla mail wetransfer@xxxv.it, saranno montati (in parte o integralmente) sulle musiche prodotte, per un’unica narrazione audiovisiva realizzata da circa 100 artisti. L’opportunità di costruire insieme e di crescere artisticamente, la connessione usata per raggiungersi creando a distanza, un’esperienza che spinge verso nuovi modi di pensare la produzione e circolazione delle opere, anche fuori dai circuiti tradizionali. A Gennaio 2019, “We transfer”!




Automotive: Innovaway lancia Asso, la nuova soluzione per i dealer

di Red.Cro.

Nasce Asso, la nuova soluzione integrata per i dealer dell’automotive realizzata da Innovaway, azienda leader nell’Ict, che punta ad usare la realtà aumentata per ottimizzare i processi di vendita e post vendita, migliorando l’esperienza d’acquisto del cliente. La soluzione Asso è stata realizzata dall’area Ricerca e Sviluppo di Innovaway, per il segmento dell’automotive secondo le linee guida del Comitato strategico di cui fanno parte l’ex Ministro all’Innovazione e Presidente del Cnr Luigi Nicolais e il docente di Ingegneria elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione, nonché direttore della Developer Academy Apple di Napoli Giorgio Ventre. Innovaway è una società di informatica creata nel 1997, conta più di 600 dipendenti, di cui il 55% donne e il 63% laureati, con un’età media di 35 anni. Il gruppo è attivo in sette sedi (Napoli, Milano, Roma, Torino, Palermo, Catanzaro, Tirana) erogando i suoi servizi in 25 lingue e svolgendo la sua attività in tutto il mondo, in più di cento paesi. “Ritengo che la soluzione Asso sia estremamente interessante – dichiara Luigi Nicolais perché offre nuovi ed innovativi servizi al mercato automotive. La ricerca che crea innovazione ha sempre importanti effetti sulle aziende a prescindere dal settore di appartenenza. Le aziende devono sfruttare al meglio tutte le opportunità per migliorare i processi produttivi e la capacità di competere sul mercato. Penso ad esempio agli strumenti di Industria 4.0, e in particolare al credito d’imposta, che hanno permesso e permettono a tutte le aziende di sostenere importanti investimenti in ricerca e sviluppo.” L’area Ricerca e Sviluppo del Gruppo Innovaway analizza i trend del mercato e le nuove esigenze delle imprese nazionali ed internazionali, per rendere più competitive le aziende clienti e promuovere innovazioni frutto della ricerca universitaria, creando in tal modo anche opportunità di lavoro e crescita professionale per giovani ricercatori. Grazie a soluzioni come Asso, le concessionarie automobilistiche possono aumentare il fatturato, ridurre costi e tempi di gestione dei processi di vendita e post vendita e migliorare il customer engagement. Il progetto è stato sperimentato da Autosantoro Hyundai, una delle concessionarie italiane da sempre in prima linea nell’innovazione dei servizi al cliente. “Grazie a questo importante investimento sull’innovazione -dichiara l’Ad di Autosantoro Hyundai Vincenzo Santoro- la nostra Concessionaria, a 50 anni dalla fondazione, si è consolidata ai vertici delle classifiche nazionali, oltre che locali, sia in termini di penetrazione di mercato che per volumi di vendita. Un processo virtuoso che ha portato Hyundai a essere nel mercato privato (fonte Unrae) il primo marchio estero per volumi e penetrazione in provincia di Salerno, facendo diventare Autosantoro primo concessionario Hyundai in Italia, ai vertici delle classifiche per soddisfazione della clientela (servizi sales e after sales) e per gratificazione della forza lavoro interna, cui il gruppo tiene in modo particolare”. “La concessionaria Autosantoro – continua Vincenzo Santoro – segue la clientela stando più vicino alle famiglie, andando loro incontro all’interno dei luoghi di aggregazione sociale e familiare: come è il caso del nuovo punto vendita all’interno del centro commerciale la Fabbrica di Salerno. L’Autoconcessionaria Santoro ha deciso di puntare sulla presenza nel Centro Commerciale per offrire ai clienti la possibilità di vedere, provare e comprare la nuova Hyundai sette giorni su sette, scaricando inoltre la app Autosantoro per visionare video di tutte le fasi della lavorazione delle auto in riparazione”. “L’utilizzo di un assistente virtuale – dichiara il Ceo di Innovaway Antonio Giacomini – a cui affidare i servizi di informazione e pubblicizzazione delle vetture esposte presso i centri commerciali, catalizza l’attenzione dei passanti, ottimizzando l’esito di iniziative come campagne promozionali e lancio di nuovi prodotti. Si stima, infatti, un aumento del traffico e dei tempi di sosta dei potenziali clienti fino al 50%, con conseguente maggiorazione delle vendite per circa un 20%”. “Asso – conclude il Ceo di Innovaway può rappresentare per tutte le aziende del settore automotive una nuova modalità di approccio ai desideri e ai bisogni dei clienti propri e di quelli potenziali”. Con il progetto è stato realizzato un nuovo sistema informativo, basato sulle nuove tecnologie (mobile app, push notifications, architetture a microservizi, Robotic Process Automation, semantica, e Intelligenza Artificiale), introducendo anche una soluzione unica nel settore automotive ed estremamente innovativa di Proximity Marketing basata su un “Assistente Olografico”. Il nuovo sistema informativo consente di incrementare la capacità di tracciamento e migliorare la gestione dei clienti potenziali al fine di creare un’unica base di dati centralizzata per lo sviluppo di sistemi integrati di intelligenza artificiale, chat bot, social media marketing. Un sapiente sistema di integrazione automatizzata permette di gestire in modo efficace ed efficiente il servizio post-vendita.




Netflix: la bird box challenge è pericolosa

Grande successo per il film originale Netflix, Bird Box,  l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Josh Malerman.

Un horror fantascientifico che tratta di un’epidemia che colpisce  la Russia per poi diffondersi in tutto il mondo. Un’epidemia rappresentata da una forza invisibile che porta al suicidio tutte le persone che si trovano a guardarla.

La protagonista Marolie (Sandra Bullock) dovrà affrontare una serie di sfide completamente bendata portando in salvo anche i suoi due figli.

Bird box ha registrato in pochissimi giorni più di 45 milioni di visualizzazioni, il film maggiormente visto su Netflix , tanto da dare vita ad una sfida chiamata bird box challenge con tanto di hashtag. La sfida vede le persone compiere atti della vita quotidiana completamente bendate come la protagonista del film.

Netflix, seppure entusiasta del successo e dell’interessamento dimostrato, è seriamente preoccupato tanto da scrivere sul suo profilo ufficiale twitter di evitare di lanciare questa sfida perchè molto pericolosa.

di Letizia Giugliano




Le migliori 10 invenzioni della Maker Faire Rome, secondo Creatiwa studio

Si è conclusa Domenica 14 ottobre 2018, la sesta edizione della Maker Faire di Roma, la fiera che ogni anno celebra invenzioni, creatività e le infinite curiosità rivolte al digitale.

 

Ecco le 10 invenzioni che abbiamo selezionato e che riteniamo interessanti:

 

Protesi: una realistica mano robotica in silicone – D.a.m. Bros Robotics

Un’associazione composta da giovani sviluppatori e progettisti della provincia di Salerno, guidati dal presidente Ing. Mauro D’Ambrosi , che ha raccontato ai microfoni di Creatiwa Studio le diverse attività di cui si occupa, ovvero ricerca e sviluppo nei campi della robotica, dell’elettronica e della prototipazione low cost.

La D.a.m. Bros Robotics ha infatti realizzato il primo prototipo di mano robotica che potrebbe consentire di ridurre i costi per accedere alle cure o a protesi che possono migliorare la qualità della vita di chi ne ha bisogno ma che trova dinanzi alla spesa economica un ostacolo difficile da superare.

L’associazione organizza anche workshop, corsi tecnici e svolge anche attività no profit di utilità sociale, mettendo in campo il suo ingegno per destinare i suoi robot al settore cinematografico, come la protesi animatronica, realizzata con una stampante 3D, ricoperta da un guantino in silicone che le dona le sembianze di una mano vera.

Maggiori info su http://www.dambrosrobotics.it/

 

Un biglietto da visita che prende vita – Aumenta shop

Un’idea che ha origine in Reggio Emilia, che applica la realtà aumentata ai diversi ambiti di mercato, rivoluzionando quelli che sono campi un po’ statici e datati come l’editoria.

Come funziona: inquadrando l’immagine o il logo con la fotocamera del vostro Smartphone con apposita app, esso si animerà fornendo una visione a 360° dell’azienda oppure darà la possibilità di accedere al sito internet aziendale o ad una serie di contenuti specifici.

Per capirne di più vi invitiamo a visitare il sito https://aumenta.shop/

 

Dispositivo salva energia elettrica – Energy Alerter

Un sistema di monitoraggio istantaneo della potenza assorbita dal sistema elettrico domestico. Questa viene mostrata sul display dello strumento e se viene raggiunta la potenza massima, l’apparecchio emetterà un cicalino.

È abitudine della maggior parte delle persone, avere più elettrodomestici funzionanti collegati contemporaneamente e questo spesso causa distacchi improvvisi. Con Energy Alerter possiamo visualizzare l’energia utilizzata in quel momento, così da valutarne la gestione.

 

Osservati dalla televisione – Tv Smart Timer

Molti bambini piccoli e anche ragazzi, passano diverse ore davanti alla tv e questo non fa altro che preoccupare i genitori che difficilmente riescono a strapparli via da quello schermo.

Ci pensa allora STS (abbreviazione per Tv Smart Timer), costituito da un display sul quale è possibile visionare il tempo trascorso davanti allo schermo.

Il display può essere controllato dal bottone rosso, questo verrà premuto dal bambino o dal genitore nel momento in cui inizia a vedere la tv, nel contempo fa partire il timer, scalando da quel momento in poi il tempo disponibile. Quando per qualsiasi motivo si vuole fermare la visione, basta premere di nuovo il bottone rosso, il timer si ferma e sul display comparirà la scritta “pause”, la TV si spegnerà. Inoltre il display comincia a lampeggiare lentamente quando rimane meno di un’ora, così il bambino può decidere cosa fare del tempo rimanente.

Energy Alerter e Tv Smart timer sono frutto del genio di Giuseppe Torino, https://clockgenerator.blogspot.com/ .

 

Le solette ergonomiche per camminare scalzi – Nake Fit

Stare comodi fuori casa è possibile con le solette flessibili e leggere Nake Fit.

Un prodotto made in Italy, più precisamente made in sud, il suo inventore è di Napoli e si chiama Michele di Lauro.

Con le Nake Fit al piede si può camminare liberamente a piedi nudi in luoghi pubblici, ma anche in piscina o sulla sabbia, senza preoccuparsi di superfici ruvide o troppo calde.

Il suo inventore definisce questo prodotto, un modo minimalista per tornare alle nostre origini.

Ecco il sito di riferiemento www.nakefit.com

 

Cuscino da auto antiabbandono per bambini – Tata

Un cuscino smart creato da una startup italiana che va inserito nella seduta del seggiolino che tramite la conduttività elettrica rileva la presenza del bambino, distinguendolo da un altro peso, ad esempio la busta della spesa.

In caso di dimenticanza, Tata, nome del dispositivo, invia un allarme al cellulare del genitore, e se non riceve risposta entro un minuto chiama 5 contatti di emergenza preimpostati inviando un sms con la posizione del veicolo.

Lo sterminatore della zanzara tigre

Dall’ Asia negli anni ’90 all’ Italia, sono stati diversi i casi di morte a seguito di una puntura della zanzara tigre.

Un metodo biotecnologico per limitare la riproduzione di questo insetto, arriva dall’ENEA (Agenzia Nazionale per le nove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), grazie all’introduzione del batterio Wolbachia (innocuo per l’uomo e i vertebrati in generale) nell’apparato riproduttore della zanzara, si abbatte la capacità di quest’ultima di trasmettere virus tropicali.

https://bioagro.sostenibilita.enea.it/news.

 

Sistema per tracciare il DNA del cibo – Griffa

Una start up del Food Tech che si occupa dello sviluppo di metodi per identificare frodi alimentari, intossicazione ed adulterazioni che produttori e consumatori ogni giorno affrontano.  Ecco perché i ricercatori di Griffa si impegnano ogni giorno nel settore della genetica animale, aumentando la sicurezza alimentare attraverso l’analisi del DNA contenuto negli alimenti.

Per un’alimentazione più sana e consapevole, www.griff.eu

 

Lucchetto intelligente – 360 lock

Un lucchetto multifunzione elettronico con tecnologia Blockchain, 4Storm è il nome della startup che ha progettato e prodotto questa soluzione per tutti coloro che possiedono una bici o una moto.

Il lucchetto dispone di un hardware robusto, resistente e di una batteria ricaricabile  per garantirne una lunga durata, è personalizzabile con accessori studiati per lo stoccaggio di piccoli oggetti, biciclette e tanto altro.

E’ possibile registrarsi sul sito https://get.the360lock.com per acquistare

360LOCK ad un prezzo promo durante la campagna Kickstarter che sta partendo proprio in queste ore.

 

Misuratore del sudore – Nicola Coppedè

Abbiamo incontrato Nicola Coppedè,) ricercatore presso CNR IMEM (Consiglio Nazionale delle Ricerche) il quale intervistato da Giovanni Sapere (Creatiwa Studio) ha mostrato un dispositivo innovativo per la misurazione della sudorazione durante gli esercizi fisici applicato ad una T-shirt e altresì un interessante sistema di monitoraggio dell’idratazione dei terreni.

Attraverso un biosensore biometrico inserito direttamente nel tessuto vegetale, è possibile monitorare, in vivo e in tempo reale, le variazioni del contenuto di soluto della linfa della pianta.

Grazie alla possibilità di comunicare continuamente lo stato di salute delle piante, si può potenziare la gestione delle aziende agricole.

Mentre invece il dispositivo misuratore del sudore promette tramite apposita app di fornire una serie di parametri utili a conoscere il stato di idratazione del proprio corpo.

 

Maker Faire Rome è sicuramente una delle fiere più autorevoli del settore che riunisce le menti creative del mondo, sono molte le idee e le invenzioni che abbiamo incontrato in questa sesta edizione, circa mille i progetti presenti quest’anno, arrivati da 61 nazioni, in sette padiglioni, aperti a tutti: dalle scuole alle università, dalle imprese al grande pubblico. Il team di Creatiwa Studio e il  suo Direttore Creativo Giovanni Sapere, ha potuto ammirare tanti progetti interessati, in questa fiera che si conferma il luogo dove prende forma la rivoluzione digitale che anticipa il futuro, per affrontare le nuove sfide dei mercati.

di Letizia Giugliano




Weekend tra itinerari archeologici, passeggiate storiche ambientali, degustazioni di prodotti tipici e spettacoli musicali

Da Venerdì 11 a domenica 13 maggio 2018

Nell’Ambito del Programma Operativo Complementare (POC) 2014-2020, della Regione Campania, progetto Picentini Experience -“Territorio d’identità”: paesaggio, patrimonio culturale, agroalimentare, sono programmate una serie di iniziative in cinque comuni del Picentino di cui Giffoni Valle Piana è il capofila con: Pontecagnano-Faiano, Montecorvino Pugliano, Acerno e Castiglione del Genovesi.

  • PONTECAGNANO-FAIANO. Venerdì 11 maggio a partire dalle ore 18:45 è programmata una visita guidata dal tema “I tesori degli Etruschi”, presso il Parco Archeologico e Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano Faiano (disponibile anche un servizio navetta gratuito da Salerno, con partenza alle ore 18:15 e rientro al termine della visita). Si avrà modo di ammirare all’interno di uno dei polmoni verdi della città, le strutture basali di un abitato ben conservato. Al termine, si raggiungerà a piedi il vicino Museo, contenitore delle testimonianze più numerose della cultura etrusca nella zona che aveva, in questa città, il suo ultimo avamposto.

 

  • GIFFONI VALLE PIANA. Sabato 12 maggio, dalle ore 11:00 alle ore 13:30, “tra cuore antico e spirito moderno”, con ritrovo presso la Cittadella del Cinema. Prima tappa il complesso conventuale di San Francesco, scrigno di storia e spiritualità. Con una apposita navetta si accederà alle frazioni alte di Giffoni (Catelde, Sovvieco, Curti) per godere dello splendido panorama e fare un vero e proprio salto nel passato, rievocando tradizioni e personaggi legati al territorio giffonese. Il giro si concluderà al suggestivo Santuario della Madonna di Carbonara dove, al termine della visita guidata, sarà possibile degustare i prodotti tipici locali da consumare nell’area verde attrezzata, attigua all’edificio Sacro. Domenica 13 maggio, a partire dalle ore 11:00, passeggiate enogastronomiche. Sono previste visite alle aziende agricole con approfondimento sulle tipicità locali con i Consorzi di Tutela DOP Olio Colline Salernitane ed IGP Nocciola Tonda di Giffoni. Punto di ritrovo presso la Cittadella del Cinema alle ore 11:00 a seguire la visita presso l’Azienda Agricola Agrituristica “Fattoria Antico Borgo di Ennio Granese” (Frazione Chieve). Dalle ore 16:00 alle ore 18:00, passeggiata nei centri storici di Giffoni Valle Piana, angoli di natura tranquilla e tracce di storia millenaria. Si parte dalla piazza dove troneggia la fontana di stile vanvitelliana. Poi passeggiata nel rione Campo, la visita sotto un palazzo di sei piani dove è posto il cosiddetto tempio di Ercole. Si tratta di un piccolo ma prezioso sacello risalente al I° secolo d.c. eccezionalmente fatto aprire ai visitatori dal Comune. Il tour continua nella frazione Vassi, con le sue architetture rurali di antica tradizione, con visita a Calabrano, a Calabranello e quindi all’Aia della Baronessa lungo il fiume Picentino. Anche l’Antica Ramiera, splendida testimonianza di archeologia industriale sarà al centro dell’attenzione. Al termine è prevista una golosa degustazione che esalterà i prodotti tipici del territorio giffonese.

 

  • Sabato 12 maggio, ore 19:30, in Piazza Freda, laboratori culinari/Salotto dei gusti e dei profumi. Degustazioni delle caratteristiche uniche dei prodotti d’eccellenza. Qui si potranno assaporare i piatti tipici locali a base di castagna come le buonissime tagliatelle oppure lo squisito dolce delle pasticelle, ma anche ottimi formaggi e i prodotti del sottobosco con l’irresistibile fragole selvatiche o fragole di bosco cresciute spontaneamente nei boschi acernesi. Alle ore 21:00, spettacolo musicale con il concerto di Peppe Cirillo e Antiqua Saxa, presenti sullo scenario musicale nazionale ed internazionale da oltre un ventennio.

 

  • MONTECORVINO PUGLIANO. Domenica 13 maggio, ore 20:30 a Pagliarone (Villa comunale antistante il Decathlon), degustazioni delle caratteristiche uniche dei prodotti d’eccellenza del territorio con eventuali sessioni per scoprire e apprendere antiche ricette. Alle ore 21:00, spettacolo musicale con il concerto di Peppe Cirillo e Antiqua Saxa.

 

                    Per maggiori informazioni e prenotazioni per le viste guidate consultate il sito

                                www-picentini.org

 

 




“Petrolio Digitale” e-book per costruire e posizionare un brand di successo

Le imprese stanno fronteggiato un cambiamento radicale del paradigma di marketing, il consumatore ha cambiato il modo in cui soddisfare i propri bisogni, di conseguenza le aziende hanno dovuto cambiare gli strumenti attraverso cui fornire le proprie proposte di valore”. Con l’avvento della globalizzazione, le imprese hanno virato pesantemente sulla valorizzazione economica rispetto al proprio marchio, capitalizzando gli sforzi d’immagine messi in piedi in tempi non sospetti in cui era prevalente un atteggiamento conservativo rispetto a temi futuristici quali il marketing e la comunicazione.

Tale processo di digitalizzazione ha subito una netta accelerata nel nostro Paese con la nascita di Facebook e Youtube nel 2004/2005, e il consolidamento a livello globale di Google. Questi tre colossi hanno spianato la strada ad opportunità di business davvero interessanti per le imprese che vogliano consolidare e allargare il loro giro d’affari. In quest’ottica, spiega l’e-book Petrolio Digitale, il marketing ha influenzato il mondo della stampa e della comunicazione, assurgendo a strumento principale per influenzare le scelte dei consumatori. Ormai più dell’60% del tempo giornaliero speso dalle persone viene fruito tramite smartphone, e più dell’80% del traffico sui siti web proviene da dispositivi mobili.

L’impresa dunque ha compreso chiaramente che la costruzione di una reputazione solida e di un’immagine positiva, nonché l’andamento del fatturato e dei complessivi indici di redditività aziendali dipendano dalla bontà di investimenti nell’area marketing&comunicazione.

Per gli imprenditori e di tutti i professionisti che hanno compreso l’importanza e la necessità di adeguare i processi organizzativi e gestionali d’impresa ai tempi odierni in cui la rivoluzione digitale sta condizionando l’andamento e il successo delle imprese, è stato di recente pubbicato un e-book gratuito, Petrolio Digitale, guida gratuita pensata per le piccole e medie imprese, che affronta temi specialistici del marketing digitale con un taglio scientifico e divulgativo allo stesso tempo.  Il libro in formato digitale è stato ideato e pubblicato da Giovanni Sapere, esperto in digital marketing e fondatore della nota agenzia di comunicazione Creatiwa Studio, l’e-book è disponibile in formato gratuito sul sito della stessa agenzia.

Il libro è categorizzato in 5 punti chiave che trattano le tematiche principali del marketing digitale: Brand&Corporate Identity; Web marketing; Social Media Marketing; Videomarketing; Advertising. Le categorie prevedono una serie di capitoli interni che affrontano i temi fondanti il digital marketing.

Se intendente trovare nuovi clienti e migliorare il fatturato della vostra azienda, l’e-book gratuito dal nome “Petrolio Digitale” pubblicato da Creatiwa Studio è un ottimo punto di partenza, una risorsa utile e gratuita che contiene le basi del marketing digitale e che consente agli imprenditori di migliorare il successo della vostra impresa.

LINK PER IL DOWNLOAD http://www.creatiwa.it/petrolio-digitale/

 

di Letizia Giugliano