“Il tempo è scaduto ora deve essere trovata una soluzione seria”

di Monica De Santis

1300 alunni, più i docenti ed il personale, i numeri del Liceo Regina Margherita, 300 alunni più docenti sono invece i numeri della scuola Media Pirro. E’ su questi numeri che i due istituti salernitani si stanno contendendo i locali lasciati liberi da pochi mesi dell’ex Tribunale di piazza XXIC Maggio. Una querelle che dura oramai da mesi e che purtroppo sembra lontano dall’essere risolta. Una querelle della quale oramai è stanca la dirigente scolastica del Regina Margherita che da tre anni, prima ancora dello scoppio della pandemia, lotta per ottenere gli spazi occupati dal Tribunale di Salerno, una battaglia che in realtà era iniziata ancor prima, dalla dirigente preedente.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi




“Serve un vincolo pubblico per salvare il vecchio Tribunale”

di Michelangelo Russo

L’appello lanciato qualche giorno fa, coralmente, dalle associazioni ambientaliste e culturali sta producendo i primi effetti. Dopo la prudente mossa del Sindaco di interpellare le associazioni, è intervenuta, opportunamente, in coincidenza con l’appello lanciato ieri su queste pagine anche l’Associazione Magistrati di Salerno, per bocca del Presidente Pietro Indinnimeo, che ha detto chiaro e tondo che nessuno aveva interpellato i magistrati per un parere sul futuro del vecchio Tribunale di Salerno. Che comunque, formalmente, è ancora in possesso della Giustizia! Pertanto non parrebbe felice la scelta dell’Ordine degli Avvocati di presentarsi all’incontro indetto dal parlamentare De Luca.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi




Coop, altri cinque avvisi di garanzia: coinvolti assessore e consigliere

Cinque avvisi di garanzia che vanno a sommarsi agli otto già notificati nel mese di giugno. L’inchiesta sulle cooperative sociali, impegnate nei servizi comunali, sembra procedere spedita per far luce su quanto denunciato – ormai mesi e mesi fa – dal consigliere Giuseppe Ventura circa presunti illeciti e anomalie che sarebbero emersi. A finire nel mirino della Procura di Salerno, ci sarebbero il presidente della coop Il Leccio, Fiorenzo Zoccola, responsabile della Coop Terza Dimensione, il capostaff del sindaco Enzo Luciano, il consigliere Fabio Polverino, l’assessore al Bilancio Luigi della Greca e Felice Marotta membro dell’ufficio staff del sindaco. Nomi, questi, che vanno a sommarsi agli otto indagati, già precedentemente individuati e tutti appartenenti alle cooperative sociali e tutti dovrebbero rispondere dell’ipotesi d’accusa di abuso d’ufficio e turbativa d’asta.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi




Scuola: De Luca firma ordinanza, riaprono le terze elementari

È stata pubblicata l’ordinanza numero 2 del 2021 che apre la scuola primaria fino alle terze classi.

«Con decorrenza dal 16 gennaio e fino al 23 gennaio  – recita l’ordinanza – restano sospese le attività didattiche in presenza delle classi quarta e quinta della scuola primaria, della scuola secondaria di primo e secondo grado, dei laboratori scolastici e le attività in presenza di educazione e formazione, non scolastica, diversa da quella professionale.

È consentita l’attività in presenza dei servizi educativi e della scuola dell’infanzia, nonché delle classi prima, seconda e terza della scuola primaria e relative pluriclassi. Resta altresì consentito lo svolgimento della formazione in presenza presso gli istituti penitenziari, con le forme e modalità individuate dagli uffici competenti dell’amministrazione penitenziaria, nel rispetto delle misure di sicurezza sanitaria, nonché della formazione professionale, con le forme e modalità a tutt’oggi vigenti; restano comunque consentite in presenza le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità, previa valutazione, da parte dell’Istituto scolastico, e in ogni caso garantendo il collegamento on line con gli alunni della classe che fruiscano della didattica a distanza; salvo che per i convitti, nelle classi della scuola primaria è sospesa, fino al 23 gennaio 2021, l’attivazione della refezione scolastica»

Invece è raccomandata ai Rettori delle Università campane l’adozione di piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari che prevedano lo svolgimento delle attività di norma a distanza, salvo specifiche necessità che rendano indispensabile l’espletamento delle attività in presenza.

L’ordinanza si è resa necessaria tenuto conto del trend in aumento dei contagi a livello nazionale e regionale. Quindi risulta incompatibile con esigenze di sicurezza sanitaria del territorio regionale consentire la riapertura delle attività in presenza nelle scuole di tutti i gradi.




Terremoto, Villani (M5S): Per Comuni provincia Salerno sbloccati fondi post sisma

“Oltre 35 milioni per i Comuni della Provincia di Salerno: sbloccati grazie al MoVimento 5 Stelle i fondi post sisma”. Così la deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani che annuncia in una nota lo sblocco dei fondi relativi alla Legge 219/81. “Un altro passo verso la semplificazione e sburocratizzazione – aggiunge -: ora sarà più facile erogare le risorse della L.219/81! Grazie ad un emendamento del M5S alla Legge di Bilancio 2021, a prima firma del deputato Generoso Maraia e sottoscritto anche da me, abbiamo introdotto una norma che consente di distribuire le somme residue da liquidare e già assegnate, per il completamento della ricostruzione post terremoto in Campania”.




Piero De Luca: “Sorpreso da proposta acquisto ex Tribunale a fini immobiliari”

“Apprendo dagli organi di stampa di una presunta proposta, formulata al Ministero della Giustizia, per l’acquisto dei locali dell’ex Tribunale di Salerno su cui, da mesi, ho promosso e avviato un confronto, con tutte le istituzioni interessate, per la futura destinazione d’uso”. Così in una nota l’onorevole salernitano del PD Piero De Luca.

“Questa notizia mi ha molto sorpreso – spiega il deputato dem – perché nel corso degli incontri, di cui mi sono fatto promotore e cui hanno partecipato, tra gli altri, anche il direttore nazionale e i referenti territoriali dell’Agenzia del Demanio, non è mai emersa né questa eventuale proposta di acquisto immobiliare né tantomeno la volontà di destinare tale sede storica ad un’operazione immobiliare”.

“Sul punto, vorrei essere ad ogni modo chiaro. Esprimo la ferma contrarietà ad ogni ipotesi di questo genere, e mi opporrò con forza ad eventuali operazioni speculative ai danni della comunità Salernitana. L’ex Tribunale di Salerno è un immobile di notevole rilevanza storica, artistica e culturale”.

“La discussione avviata in questi mesi mira proprio ad individuare la più appropriata valorizzazione funzionale di questo luogo che ha un inestimabile pregio simbolico e testimoniale per tutta la Città capoluogo. Ribadisco, quindi- conclude l’On. Piero De Luca- la volontà di proseguire nel percorso avviato per definire la migliore destinazione d’uso agli spazi dell’ex Tribunale nell’interesse dell’intero territorio”.




Cecilia Francese cerca la riconferma, pronte 3 liste civiche e apre ai partiti

di Erika Noschese

Tempo di bilanci per l’amministrazione Francese che, ieri mattina, ha fatto il punto della situazione sugli interventi portati a termine e quelli da realizzare prima della fine del suo mandato. Il primo cittadino di Battipaglia, come già ampiamente annunciato, è in cerca della riconferma ed è pronta a scendere in campo, per il secondo mandato, nonostante il no della coalizione di centrosinistra che chiede discontinuità rispetto all’amministrazione Francese. Il primo cittadino ha annunciato di avere pronte già due liste civiche a suo sostegno e l’appoggio del sindaco di Bellizzi Mimmo Volpe e di Alessio Cairone, consigliere comunale eletto alle scorse elezioni nelle liste contrapposte con candidato sindaco Gerardo Motta.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi




Titolari e dipendenti dei locali della movida aderiscono a #ioapro

di Monica De Santis

Si è tenuta ieri sera dalle ore 20 alle ore 22 la manifestazione pacifica dei titolari di bar e ristoranti di Salerno aderenti all’Acs che hanno sposato la proposta della Tni #Ioapro, ovvero tenere simbolicamente aperti i loro locali come segno di protesta con il Dpcm e contro tutte le chiusure che alla categoria sono state imposte in questi mesi. Mentre da un lato i ristoratori sono felici di essere diventati zona gialla e di poter finalmente da domani riaprire almeno a pranzo dall’altro lato vogliono comunque far sapere a sindaco, governatore e presidente del consiglio che questo non basta per risollevare le sorti della categoria.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi




Il futuro dell’Ex Tribunale Il silenzio colpevole dei giudici

di Michelangelo Russo

C’è voluta la voce dell’associazionismo salernitano (cioè le ultime pattuglie di resistenza culturale all’omologazione di un intero territorio sulla delega totale della progettualità ad un pensiero unico) per accendere un campanello d’allarme nell’amministrazione cittadina e far convocare al sindaco Napoli una videoconferenza sul confronto di idee per la rivitalizzazione dell’ex Tribunale. Uno dei pochissimi edifici del centro cittadino degno di essere definito un’opera di architettura, nello sfacelo anonimo dell’urbanistica salernitana. Saggia iniziativa quella di Napoli, supportata dall’assessore alla cultura Willburger. Perché del destino del vecchio Tribunale non si può parlare solo in una conferenza, in verità atipica, tra il vicepresidente della Provincia, il Magnifico Rettore dell’Università e il Presidente dell’Ordine degli Avvocati Silverio Sica.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi




Puntare sullo sport è un investimento conveniente, in termini di resa economica e di risparmio futuro

In tanti sbagliano a considerare che lo sport sia soltanto una passione, un lusso o un fattore secondario dal punto di vista sociale ed economico. «In un momento così difficile, in cui ogni categoria ed ogni settore sono nel pieno di una pandemia, basti pensare che lo sport vale l’1,8% del Pil nazionale, cioè trenta miliardi di euro che diventerebbero 60 considerando l’indotto. Stando a queste cifre lo sport dovrebbe essere una priorità, considerando soprattutto i risparmi che si andrebbero a generare sul sociale e sulla sanità», spiega Domenico Credendino, Presidente Fondazione Carisal – Fondazione di origine bancaria, nonché dirigente nazionale del Centro Sportivo Italiano, Ente di Promozione Sportiva.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi