Cammarota: «Siamo abituati a stare tra la gente e la gran folla ne è la dimostrazione»

Scritto da , 15 maggio 2016

Apertura di campagna elettorale, ieri pomeriggio, al Grand Hotel Salerno, del candidato sindaco al Comune Antonio Cammarota. L’avvocato ha presentando i 64 candidati ribadendo il suo progetto Salerno. Ovvero: la  Città della mobilità e dell’urbanistica sociale; la Città dello Sport; la Città della Solidarietà; la Città della cultura  “Noi siamo abituati a stare tra la gente, con la gente e abbiamo scelto la sala più importante e più grande di Salerno perché oggi è un bagno di folla. Noi siamo la gente”, esordisce Cammarota per poi sottolineare. “I giochi li fa la gente, li fanno i cittadini quando vanno a votare. Invenzioni giornalistiche dei giochi fatti appartengono a chi lo dice. Vedremo quali sono i giochi: intanto i partiti nazionali presentato le loro liste nei bar; noi invece scegliamo le mille persone del grand Hotel Salerno”. E chiosa: “Puntiamo sulla continuità della intransigenza morale e della proposta. L’opposizione non si fa con i noi, si fa con l’alternativa, e l’alternativa non si fa con la polemica sterile e il conflitto permanente, ma si fa con la proposta, con il confronto, con la cultura. Il finto centro destra, nei partiti del potere del compromesso e del calcolo più semplicemente non è centro destra ma è compromesso e calcolo”, conclude mentre i candidati al consiglio comunale, molti alla prima esperienza, prendevano posto. Entusiasti.

Consiglia