Camera di Commercio, passa la linea Santorelli. Consiglio camerale: tutto da rifare

Scritto da , 7 febbraio 2013
image_pdfimage_print

La Casa del Consumatore poteva concorrere ad avere la sua rappresentanza in seno al Consiglio Camerale. Praticamente è tutto da rifare alla Camera di Commercio di Salerno. Il Consiglio di Stato, infatti, all’adunanza consultiva del 12 dicembre si è pronunciato sul ricorso straordinario al Capo dello Stato proposto dall’ingegnere Luigi Santorelli, responsabile dell’associazione onlus “Casa del Consumatore”, difeso dall’avvocato Oreste Agosto. I giudici di Palazzo Spada hanno ordinato il rinnovo della procedura per la composizione del Consiglio camerale che deve prevedere, dunque, la rappresentanza della “Casa del Consumatore”.
La vicenda ebbe inizio il 1 febbraio 2010, quando con avviso pubblico all’albo camerale, l’allora presidente della Camera di Commercio di Salerno, Augusto Strianese, comunicò l’avvio delle procedure per la determinazione della consistenza delle organizzazioni imprenditoriali, al fine del rinnovo del Consiglio Camerale.
L’ingegnere Luigi Santorelli, responsabile della Casa del Consumatore, fu escluso dalla competizione. «Illegittimamente» – spiega l’avvocato Agosto che continua – «Una esclusione a seguito di una serie erronea di provvedimenti: in prima battuta della Camera di Commercio di Salerno, in seconda della istruttoria della Regione Campania, ed infine con pare negativo espresso dal Ministero competente».
Tra l’altro i provvedimenti della Regione Campania sono stati già annullati precedentemente dal Tar di Salerno nel 2011 a seguito del ricorso presentato dal Codacons. Ora, in gioco rientra anche la Casa del Consumatore dell’ingegnere Santorelli.
Nel dispositivo del Consiglio di Stato si legge: «L’istruttoria sia riaperta ab imis e conseguentemente svolta nei riguardi di tutte le associazioni aspiranti all’attribuzione del posto nel consiglio». Dunque, Casa del Consumatore compresa. Tant’è che l’atto prosegue: «in sede istruttoria venga riesaminata anche la domanda della “Casa del Consumatore”».
Ed ora? Oltre alla soddisfazione espressa dall’ingegnere Santorelli, il provvedimento emesso dal Consiglio di Stato sarà trasmesso alla Regione Campania, mentre si avvieranno tutti gli iter necessari per rimodulare il Consiglio Camerale (attualmente presieduto da Guido Arzano), in considerazione di un possibile ingresso di una rappresentanza di una associazione a tutela dei consumatori.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->