Camcom e Assindustria, il giorno di Maccauro: Prete in pole. Arzano jr, ira su fb

Scritto da , 31 Agosto 2015
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

Oggi Confindustria potrebbe ufficializzare il suo nome per la corsa alla presidenza della Camera di Commercio di Salerno. Nome che dovrebbe essere quello di Andrea Prete, la cui candidatura potrebbe essere ufficializzata già dopo la seduta di giunta di Assindustria. Il 2 settembre presso la Camera di Commercio ci sarà l’assemblea per definire il dopo Arzano. Il pallottoliere sarebbe stato già azionato, così come tutti i canali politici per portare a termine la missione Prete. Al momento però – nonostante la disponibilità ad un passo indietro – artigiani e commercianti restano ancora alla finestra. Il loro accordo resterebbe in piedi ed il nome sul tavolo sarebbe quello di Peppe Gallo. Almeno fino alla chiamata di Maccauro, presidente degli industriali, a cui restano poco più di ventiquattro ore per definire gli accordi. Al di là della presidenza, ci sarebbero da definire gli assetti della giunta, quelli degli enti strumentali, nonché il programma, con tanto di definizione di fondi e obiettivi strategici. Oltre che dagli industriali, Andrea Prete sarebbe ben visto da Vincenzo De Luca. Il nome dell’industriale salernitano, infatti, era circolato anche come possibile candidato nella lista “Campania Libera” (di cui Prete ne è stato presidente dell’associazione) per le elezioni regionali, proprio a supporto dell’ex sindaco di Salerno. Tutto sta ora a chiudere gli accordi con artigiani, commerciali ed agricoltori. La nomina di Prete, tra l’altro, aprirebbe anche un nuovo scenario a Confindustria, dove è già convocata l’assemblea ordinaria per il rinnovo dei componenti della giunta. Il 25 settembre, infatti, presso la sede di via Madonna di Fatima, gli industriali dovranno rinnovare i 24 componenti della giunta. Tra le curiosità che ruotano intorno alla vicenda: la proposta Guido Arzano come possibile candidato sindaco di Salerno per i Fratelli d’Italia e l’ira del figlio, via Facebook, contro il governatore De Luca. «Forse – scrive Mario Arzano – il futuro presidente gli darà più euro per le anacronistiche “Luci d’Artista”

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->