Calvanico, appalti e tangenti: indagato sindaco e vice

Scritto da , 8 Novembre 2012
image_pdfimage_print

Sarebbe stato costretto a pagare tangenti per oltre un milione di euro e a promettere appartamenti gratis per lavorare a Calvanico, sia in appalti pubblici che con commesse private nel settore edile. Un imprenditore di Sarno rivela particolari scottanti sulla vita amministrativa del comune collinare della Valle dell’Irno e la procura di Nocera Inferiore, per verificare la veriditicità di quanto raccontato dal costruttore sarnese, mette sott’inchiesta i vertici della giunta comunale e due ex dipendenti dell’Ente. Il sostituto procuratore Roberto Lenza ha indagato Francesco Gismondi sindaco di Calvanico, il suo vice Antonio Conforti, e gli ex comunali Michele Sabbarese (attuale presidente della cooperativa edilizia “San Michele”) e l’ingegnere Pasquale Vitale. L’ipotesi al vaglio della magistratura è quella di concussione. Ieri mattina, i finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Salerno, agli ordini del tenente colonnello Antonio Mancazzo, hanno eseguito diverse perquisizioni nelle abitazioni dei quattro indagati. I militari si sono presentati anche negli uffici comunali di Calvanico e a quelli della cooperativa San Michele, acquisendo documenti ritenuti dagli inquirenti molto importanti ai fini investigativi. Scopo dell’inchiesta, in realtà, è stabilire non solo la veridicità del racconto fatto dall’imprenditorre concusso ma anche appurare se vi fosse un vero e proprio sistema Calvanico, fatto di tangenti pagati sotto concussione. L’attività investigativa, quindi, è solo all’inizio. Già un episodio su cui si indaga è relativo a una tentata concussione ai danni di un secondo imprenditore edile.
Le prime due ipotesi al vaglio del pm Lenza sono relative a due presunte concussioni che vedrebbero protagonisti i quattro indagati e il costruttore di Sarno. La vicenda ruota attorno al pagamento di oltre un milione di euro di tangenti e la promessa di altra utilità, pare un appartamento gratis in una cooperativa edilizia che l’imprenditore sarnese stava costruendo a Calvanico, quest’ultima ipotesi solo nei confronti di alcuni indagati.
Presso la sede del Comune, inoltre, i finanzieri hanno scoperto che mancavano le buste contenenti le offerte effettuate in fase di gara pubblica e relative agli appalti oggetto delle indagini, inerenti la realizzazione di alcune strade nel comune della Valle dell’Irno. Ma c’è di più! Presso l’abitazione dell’ingegnere Vitale, i finanzieri hanno rinvenuto altre buste contenenti atti riconducibili a gare d’appalto, sia chiuse (cioè ancora sigillate e, quindi, mai visionate) che aperte.
Una documentazione che già, secondo gli inquirenti, starebbe fornendo importanti riscontri alle ipotesi accusatorie.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->