Btp Tecno: addio start up?

Scritto da , 10 luglio 2015
image_pdfimage_print

di Carmine LANDI

BATTIPAGLIA. La start up non s’ha da fare.

Pessime notizie dalla Btp Tecno. Mercoledì scorso, infatti, i rappresentanti sindacali dell’azienda fallita si sono recati a Roma, in una sede distaccata del Ministero dello Sviluppo Economico, per chiedere lumi circa l’idea della start up. Un’impresa che dovrebbe muoversi nell’ambito dei RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche): questa è l’idea degli ex Btp Tecno.

Eppure, i segnali ministeriali non devono esser stati particolarmente incoraggianti: sembra, infatti, che molti tra gli operai dell’azienda di via Bosco I abbiano già riposto nel cassetto l’idea, per la quale andrebbe allestita una società – con tanto di capitale sociale – e andrebbe elaborato un business-plan da sottoporre all’attenzione di una finanziaria governativa che dovrebbe poi supportare il tutto investendo pure delle quote partecipative. Si tratterebbe, però, d’un vero e proprio terno al lotto.

E l’atmosfera in casa Btp non è di certo delle migliori: continua, infatti, il braccio di ferro sindacale tra Sergio Galluzzo (Fim Cisl) e Fiorenzo Veneri e Paola Trimarchi (Fiom Cgil), con il primo che, ieri mattina, al cospetto dei curatori fallimentari del tribunale di Genova, Bruno Bassi e Andrea Borziani, ha accusato nuovamente i fiommini per il modo in cui vengono portate avanti le attività d’inventario. La guerra fredda dei sindacati, dunque, non è di certo l’humus migliore per far sì che germogli una nuova avventura lavorativa.

E il no alla start up potrebbe avere esiti deleteri: mercoledì prossimo, infatti, le Rsu incontreranno Giampietro Castano al MiSE, ed è molto probabile che in quell’occasione si cominci a parlare di licenziamento collettivo, giacché, a questo punto, per la cassa integrazione – che comunque non è stata ancora erogata – mancano le garanzie di tutela dei blocchi occupazionali che la Fornero impone alle aziende fallite per poter accedere alla Cigs. La Btp tecno viaggia verso la mobilità.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->