“Botte”e risposta a Palazzo di Città

Scritto da , 16 novembre 2018
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

La decisione dell’amministrazione comunale di rinunciare ai mercatini di natale ha suscitato non poche polemiche da parte degli artigiani salernitani che hanno chiesto di poter esporre e vendere la loro merce in piazza, in occasione della kermesse Luci d’Artista e soprattutto nel periodo natalizio. Una polemica che ha visto l’intervento diretto di alcuni consiglieri comunali, tra cui il socialista Massimiliano Natella che avrebbe fatto da intermediario per trovare un accordo tra i vertici di Palazzo di Città e i commercianti salernitani. Così, è stato stabilito che nel periodo natalizio, piazza Sant’Agostino sarà destinata agli artigiani che avranno l’occasione di esporre e vendere le loro merci. Effettivamente, si tratta del periodo più propizio per i commercianti, grazie alla grande affluenza di turisti e visitatori che giungono in città per ammirare le luminarie. Tutti favorevoli, dunque? Non proprio. L’intervento del consigliere comunale del Psi, infatti, non sarebbe stato ben visto dal consigliere del gruppo misto Mimmo Ventura che avrebbe – se così vogliamo dire – reagito male, aggredendo Natella, prima di far ritorno sui suoi passi e parlare di un “modo scherzoso” di reagire. Dal terzo piano di Palazzo di Città, almeno per il momento, bocce cucite ma sembra ci sia qualcuno che abbia effettivamente storto il naso in seguito all’atteggiamento di Mimmo Ventura che, in più occasioni, non ha risparmiato – seppur in modo scherzoso – di ostentare il suo pensiero. Come giusto che sia, tra l’altro ma senza mai eccedere. Natella, dal canto suo, pare aver già “perdonato” l’ira del suo collega tanto da non dare troppa importanza alla vicenda.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->