Blitz del M5s in canile a Sarno, Lav ‘cuccioli morti’

Scritto da , 25 aprile 2015
image_pdfimage_print

Il parlamentare del Movimento 5 Stelle, Paolo Bernini e le associazioni Eital e Lav di Salerno hanno visitato il  canile rifugio di San Vito, a Sarno. Secondo la Lav di Salerno, “sono stati ritrovati cuccioli morti, corpi di cani carbonizzati, cani denutriti, molti di questi affetti da gravi patologie del comportamento, deiezioni ovunque, pasti costituiti perlopiù da pane secco, totale assenza dell’area di sgambamento e assenza di assistenza sanitaria”.

Di tutt’altro avviso, invece, uno dei soci del canile: “Nella visita effettuata – spiega – hanno trovato un cane di piccola taglia morto in box. Abbiamo controllato e non aveva microchip. Cosa molto strana, dal momento che i miei cani ne sono tutti dotati. Purtroppo l’invidia della gente locale è tanta. Ho subito svariati furti di sacchi di mangimi e di medicinali. Non escludo che qualcuno sia riuscito a scavalcare e abbia portato all’interno questo animale. Al di fuori della struttura, invece, hanno trovato sterpaglie bruciate e una carcassa di cucciolo morto.

Anche questa mi sembra uno strana coincidenza. E’ mai possibile che io lasciavo morire un animale davanti il canile? Che biglietto da visita negativo sarebbe stato per noi? In ogni caso aspettiamo l’autopsia che verrà effettuata sul cane trovato nel box, per capirne di più. Giornalmente percepiamo dai comuni 1,90, massimo due euro a cane, il lavoro è tanto e non possiamo permetterci anche delle telecamere di videosorveglianza per controllare l’interno e l’esterno del canile. Nella struttura – aggiunge Annunziata – abbiamo 250 cani, ma ne potremmo contenere fino a 750. Certo, vivono in un canile e questo non fa piacere a nessuno. Ma questa è la legge”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->