Bellizzi, Mimmo Volpe avvia la sua campagna elettorale

Scritto da , 19 dicembre 2013

BELLIZZI. Si dice che a Natale si è tutti più buoni. Ma il detto non vale sempre e soprattutto non vale in politica. Ancora una volta il consigliere di opposizione, già sindaco di Bellizzi, Mimmo Volpe, ritorna all’attacco, ribadendo «l’incapacità dell’amministrazione Salvioli». Volpe, sempre più tecnologico, utilizza soprattutto nell’ultimo anno i suoi canali social per parlare ai cittadini, abbattendo il muro formale, e parlando loro col tu.  «Bellizzi il paese delle super tasse. Ora per fare cassa scoprono pure gli “arretrati” per la loro incapacità. Si pagherà il canone idrico del 2011, mai notificato ai cittadini. Mandiamoli a casa quanto prima. Per mestiere questi facevano i guastatori», queste le dure parole di Volpe, che rincara la dose proseguendo così: «Avviso per i cittadini “ignari” della comunità di Bellizzi: questi pseudo amministratori stanno facendo recapitare una serie di bollettini da pagare, risalenti all’ICI 2009. State attenti, sono somme che non vanno assolutamente pagate. Ora si sono accorti del disastro, dicono che è un errore del catasto. Sono 5 anni, ma non smettono mai di stupirci. Incompetenti e confusionari». Sempre sul suo profilo facebook, proprio nei giorni addietro l’ex sindaco aveva parlato di come «Salvioli e la sua maggioranza abbiano fatto indietreggiare Bellizzi con tasse e convenzioni». Una città che, fino a pochi anni fa, era fiore all’occhiello ed esempio per la provincia salernitana, in merito a molte cose, ha ribadito spesso il consigliere di Città Possibile. «Oltre 700mila euro sono stati bruciati nella società aeroporto. Con Augusto Strianese stabilimmo che entro la fine del 2009 bisognava privatizzare e far uscire i politici dalla società. Invece Salvioli è rimasto a scaldare la sedia e guardare lo sperpero. Bisogna rimettere ordine al bilancio comunale, abbassare la pressione fiscale, riducendo progressivamente le tasse comunali Tares, Imu, canone idrico». E prosegue: «Assessori e contro assessori delle pippe e delle imprese, andate a casa vostra a fare danni, Bellizzi era altro”. E tra i propositi del prossimo periodo, con le elezioni che si avvicinano, dichiara le sue intenzioni: «Tagliare da subito costi inutili, in carrozzoni politici, continuare a buttare soldi nella società aeroporto, ad oggi oltre 700mila mila euro bruciati, è da sconsiderati. Si sarebbero potuto abbondantemente ridurre le imposte ai cittadini bellizzesi, invece di aumenti al massimo consentiti dalla legge. Facciamo ritornare la buona ed onesta politica per la nostra Bellizzi si può» e dà appuntamento, presso la sede bellizzese di “Città Possibile”, lunedì sera, il 23 dicembre, per lo scambio consueto degli auguri in occasione del Natale.

Angela Casale

Consiglia