Battipaglia: marocchino cava un occhio con un cacciavite a Alfonso Pastore. Arrestato

Scritto da , 18 Agosto 2015
image_pdfimage_print

[COMUNICATO STAMPA CARABINIERI]

Nella mattinata odierna, a Battipaglia (SA), si è verificato un violentissimo litigio tra due giovani del posto, che coabitavano saltuariamente in una casa centrale della cittadina della Piana del Sele, vicino allo scalo ferroviario, scaturito per futili motivi verosimilmente riconducibili alla sparizione di esigue somme di danaro riposte nel mobilio. Diversi cittadini residente nelle vicinanze, richiamati dalle urla dei due, hanno allertato la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Battipaglia, consentendo in pochi minuti di intervenire sul posto con un equipaggio della Radiomobile supportato da militari dell’Aliquota Operativa.

Da una tempestiva ricostruzione dei fatti accaduti, i Carabinieri della Compagnia di Battipaglia hanno accertato che LAGRARI Mohamed Amine (cl.1997, di etnia marocchina, residente a Battipaglia), pregiudicato, già attinto da provvedimento di cattura perché allontanatosi arbitrariamente il 7 agosto scorso dal Penitenziario Minorile di Airola (BN) ove si trovava associato per rapina pluriaggravata, nel corso dell’aggressione aveva colpito ripetutamente con calci e pugni Alfonso PASTORE (cl.1992, di Battipaglia), attingendolo al culmine della lite ad un occhio con un cacciavite di medie dimensioni, dandosi poi alla fuga a bordo dell’autovettura di proprietà del ferito, al quale aveva sottratto in precedenza le chiavi, facendo perdere le proprie tracce.

Il malcapitato è stato subito soccorso da personale del locale 118 e ricoverato, con prognosi sin da subito riservata in ordine al recupero integrale dell’organo colpito,  presso l’ospedale di Battipaglia; viste le preoccupanti condizioni, il predetto è stato successivamente trasportato presso l’ospedale civile di Nocera Inferiore, dove è stato sottoposto a delicato intervento chirurgico presso il reparto di neurochirurgia.

Immediatamente venivano attivate le operazioni di ricerca, diramate in tutta la provincia e condotte dall’Arma di tutto il Comando Provinciale di Salerno principalmente nei Comuni e nelle località della Piana del Sele limitrofe a Battipaglia.

Alle successive ore 16.30, l’aggressore in fuga è stato localizzato ad Altavilla Silentina (SA). Alcuni cittadini del luogo, infatti, avendo notato la presenza nel paese di un’autovettura con un giovane a bordo che procedeva per le strette vie centrali a forte velocità, ha allertato sull’utenza telefonica mobile di servizio il Comandante della Stazione Carabinieri che, già in servizio perlustrativo nella giurisdizione, è riuscito a individuare la vettura, costringendo il giovane, poi identificato per l’autore del reato per cui erano state attivate le ricerche, a fermarsi. Pertanto, al termine di un breve quanto vano ulteriore tentativo di fuga, Amine LAGRARI è stato bloccato e condotto presso il Comando Stazione, dove i Carabinieri della locale Stazione in collaborazione con i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Battipaglia lo hanno sottoposto, d’iniziativa, a fermo di indiziato dei delitti di lesioni personali gravissime pluriaggravate e furto. Nello stesso contesto, ad Amine LAGRARI è stato anche notificato l’ordine di cattura emesso dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni di Salerno per la richiamata evasione.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Salerno-Fuorni, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

 

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->