Battipaglia, Cirielli, Zara e Iannone: «Primarie per un centrodestra unito»

Scritto da , 14 dicembre 2013

BATTIPAGLIA. «Il primo nucleo di rivolta dei Forconi è partito da noi, mi sembrano strumentali le polemiche di chi come Tavella non ha compreso le motivazione. Non si parla di fascismo o di sfascismo si parla di sovranità popolare e questo in Italia non c’è più. Siamo per l’Europa delle soluzioni e non per la repressione profonda». Inizia con la risposta alla polemica con la Provincia Fernando Zara la conferenza stampa convocata con la presenza anche del deputato Edmondo Cirielli e con il presidente della Provincia Antonio Iannone. Motivo? Le questioni amministrative, sempre se si voterà a maggio, che riguardano la preparazione della campagna elettorale per le prossime amministrative. «Se si dovesse votare a maggio – dice il candidato di Fratelli D’Italia Zara -, seppur tra mille perplessità che questo possa verificarsi considerata la situazione particolare che grava sulla città di Battipaglia, ci confronteremo con metodo democratico con chi ha più consenso in città. Un confronto sui programmi in modo da creare, cosa che ci appartiene, una posizione chiara e sistematica». L’appello è rivolto a tutte le forze di centrodestra e come non pensare alla presenza, oggi, del commissario provinciale del Pdl Forza Italia Mara Carfagna.«Crediamo come Fratelli d’Italia al grande risultato ottenuto a livello provinciale – dice il presidente della Provincia Iannone -. A livello locale Battipaglia ha nel suo futuro una grande rinascita con Fernando Zara rilanceremo la nostra battaglia politica sul territorio nel nome di Fratelli d’Italia. Un centrodestra che parte dai programmi e che sia finalizzato al candidato migliore che rispecchi la realtà sociale. Abbiamo un candidato naturale ed è Fernando Zara. Noi non puntiamo a mettere bandierine, puntiamo alla vittoria. Fernando Zara si è occupato del territorio dall’impegno per la costruzione dell’Aversana alle attività della città di Battipaglia. Fratelli d’Italia parte da questa città per l’intera rinascita». E c’è anche il deputato Edmondo Cirielli che prima della conferenza fa visita all’ex sindaco Gennaro Barlotti. «Chiudiamo la campagna al tesseramento per far sì ancora una volta che la nostra politica sia in forma attiva – dice -. Potranno votare tutti i cittadini e vorremo ottenere la stessa preferenza ottenuta all’ultima tornata. Siamo avanti. C’è da dire che Fernando Zara è un candidato ideale che noi sosterremo perché attento alla politica generale e alla dinamica locale. Fernando Zara è l’unico leader politico eletto e parlo anche alla sinistra e ai nemici. E’ un dato e non ci nascondiamo. Zara ha una leadership di fatto. Non deve esserci confusione. Offriamo la possibilità delle primarie proprio per un confronto e nel nome della democrazia. Spazio ai giovani, siamo portatori di una grande ideologia. Vogliamo realizzare un nuovo centrodestra. Sosterremo Zara, ma sono gli elettori che scelgono. Le polemiche personali sono fuori dai progetti politici». Al riguardo del caso Gerardo Motta Cirielli ribadisce: «Non condiziono l’ingresso di nessuno che voglia porsi al servizio del nostro progetto politico. Non sono il padrone. Chi non vuole far parte di questo se ne assuma la responsabilità politica». Al riguardo dell’incontro di Mata Carfagna oggi in città con Forza Italia: «Un gesto di distensione senza arretramenti. Vedremo alle primarie chi ha più radicamento sul territorio. Ma lancio questo guanto di sfida: facciamo insieme le primarie».

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->