Bando periferie: “Giovi penalizzata

Scritto da , 8 marzo 2017

 

di Brigida Vicinanza

Bando per le periferie da 26 milioni di euro, che andranno al Comune di Salerno per la riqualificazione di alcuni alcuni rioni collinari. Ma i fondi del contratto di quartiere, dove erano già presenti alcuni progetti per Fratte, Matierno e Cappelle, che fine hanno fatto? E’ la domanda che si pongono i consiglieri di opposizione al Comune di Salerno, Celano e Russomando, che hanno sottolineato: “Con grande clamore il sindaco Napoli e la sua ombra “tutor” Roberto De Luca hanno sottoscritto un protocollo con cui il Governo si impegna a devolvere 18 milioni di euro (più i sei a carico dei privati) al Comune di Salerno per finanziare interventi di riqualificazione delle periferie. Ben vengano investimenti. Non si può, però, non rilevare che molte delle opere di riqualificazione annunciate erano state già propagandate e perfino oggetto di finanziamenti con il Contratto di Quartiere “Fratte – Matierno – Cappelle” (10 milioni di euro) e con il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (1,5 milioni) per il Centro Sociale Polifunzionale – continuano – il Centro Polifunzionale di Matierno, la rete fognaria di Pastorano ed altri interventi di riqualificazione sono già stati annunciati in passato ed avrebbero dovuto già essere stati finanziati. Nonostante numerose interrogazioni presentate, non è stato mai chiarito dall’amministrazione che fine abbiano fatto i soldi stanziati dal Governo con il Contratto di Quartiere ed il finanziamento del Centro Polifunzionale (1,5 milioni) ed il cofinanziamento comunale, all’epoca annunciato ed assicurato. Nel finanziare “ulteriormente” gli stessi interventi, si sono poi tralasciate opere attese da anni nelle stesse zone ed in altri quartieri periferici ed abbandonati che avrebbero necessitato di impellenti e maggiori attenzioni come il rione di Giovi”. E proprio per quanto riguarda l’esclusa Giovi, a scendere in campo è il consigliere di maggioranza Felice Santoro che non ci sta ed elenca tutti i problemi che vive la zona: “Strade dissestate e manutenzione assente, a Giovi Mondena non arriva l’acqua, rete fognaria da rifare e nemmeno la presenza dell’illuminazione pubblicata, affidata ad Enel Sole e non a Salerno Energia. A “pagarne” sono le frazioni di Casa De Rosa, Casa Di Giacomo, Casa D’Amato, Casa Parisi, Madonna De’ Campi dove addirittura una strada è “crollata” per circa 20 metri – ha sottolineato Santoro – mi meraviglio che in quel bando non c’è Giovi, dato che soffre parecchio. Frane continue, un degrado inimmaginabile e non ricordo quali interventi sono stati fatti per questa zona, ma alcuni ci sono stati. Non basta purtroppo – ha concluso il consigliere – c’è bisogno di fare di più in quanto i residenti di questo rione vivono davvero una situazione di precarietà e di invivibilità, c’è bisogno di interventi urgenti in maniera assoluta in ogni ambito e settore”.

 

Consiglia