Bagadur al 94′, la Salernitana espugna Cesena

Scritto da , 7 marzo 2016
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

CESENA. Bagadur al 94': una rete a tempo scaduto del croato consente alla Salernitana di espugnare il Manuzzi battendo il Cesena dopo un'autentica battaglia. La gara si era messa malissimo dopo pochi minuti coi romagnoli avanti con Ciano su rigore inesistente fischiato per un mani fuori area diu Bagadur. Poco dopo l'episodio chiave con il rigore per i granata, poi realizzato da Coda, e l'espulsione di Caldara che consente ai granata di giocare per un'ora in superiorità numerica. Nella ripresa qualche rischio e poi nel finale la rete della vittoria e, si spera, della svolta.

La Salernitana, come spesso accade, parte bene ed al 7' Coda di testa, su cross di Zito, impegna Gomis. Un minuto dopo il Cesena risponde con Ciano, ma il tiro dell'ex crotonese viene respinto da Terracciano. E come spesso accade è il direttore di gara, nello specifico il solito Baracani, a mettere la partita dei granata in salita. Bagadur, nel tentativo di anticipare Djuric, colpisce il pallone con la mano un metro fuori dall'area di rigore e l'arbitro decreta il calcio di rigore, poi trasformato da Ciano il quale piega le mani a Terracciano con la sua botta mancina. Il Cesena, ringalluzzito, ci prova due minuti dopo con Falco che dal limite impegna ancora Terracciano che devia in tuffo sulla sua sinistra. Poco dopo Menichini perde per infortunio Colombo ed è costretto ad inserire Tuia, all'esordio assoluto in stagione. Quando tutto sembra andar storto, arriva l'episodio che serve: Caldara colpisce di braccio in area su un colpo di testa di Coda, Baracani decreta il penalty per i granata ed il rosso per somma di gialli per il difensore romagnolo. Coda realizza il pareggio calciando forte e centrale. La Salernitana prende coraggio ed al 35' ancora Coda, su servizio di Zito, getta alle ortiche una opportunità clamorosa per raddoppiare, concludendo fuori in tuffo di testa nonostante fosse solo davanti a Gomis. Al 40' il Cesena, nonostante l'inferiorità numerica, prova a far male ai granata ma il sinistro di Ciano è alto di poco sulla traversa. I romagnoli chiudono all'assalto ma la prima frazione si conclude in parità.

Al 48' la Salernitana va vicinissima al raddoppio: Zito crea scompiglio in area romagnola, salta un paio di avversari, vince un rimpallo, si ritrova da solo davanti a Gomis e calcia di punta, ma il portiere bianconero è bravo a respingere di piede. Il Cesena poco dopo perde anche Lucchini, subentrato a Falco, che a sua volta esce dopo uno scontro fortuito con Kessie. Al 61' i bianconeri vanno ad un passo dal raddoppio con Kessie, trovato sul secondo palo da Sensi, il cui colpo di testa però finisce fuori. La Salernitana si riaffaccia al 72' dalle parti di Gomis, ma il colpo di testa di Coda, ancora su assist di Zito, finisce largo. Ad un quarto d'ora dalla fine Menichini rompe gli indugi inserendo una punta in più, Donnarumma, al posto di Zito. All'86' Bus potrebbe capitalizzare un contropiede dei granata, ma il rumeno s'incarta e ciabatta su Gomis in uscita. Sembra tutto finito, ma non è così. al minuto 94 la Salernitana conquista una punizione dal limite e si riversa tutta in avanti. Il cross di Nalini è perfetto per la testa di Bagadur che gela Gomis, il Cesena e tutto il Manuzzi. I granata conquistano per la prima volta la vittoria in trasferta, pesantissima per continuare a inseguire il sogno salvezza.

CESENA-SALERNITANA 1-2

CESENA (4-3-3): Gomis; Perico, Caldara, Capelli, Renzetti; Kessie, Sensi, Kone; Ciano (84' Dalmonte), Djuric, Falco (36' Lucchini, 52' Magnusson). A disp: Agliardi, Fontanesi, Falasco, Valzania, Severini, Rosseti. All.: Drago

SALERNITANA (4-4-2): Terracciano; Colombo (24' Tuia), Bernardini, Bagadur, Rossi; Gatto (56' Nalini), Moro, Odjer, Zito (77' Donnarumma); Coda, Bus. A disp.: Strakosha, Empereur, Pollace, Bovo, Pestrin, Tounkara. All.: Menichini

ARBITRO: Baracani di Firenze (Bottegoni-Prenna). IV uomo: Rossi di Rovigo

MARCATORI: 18' Ciano (rig.), 28' Coda (rig.), 94' Bagadur

NOTE: Spettatori seimila circa di cui 150 provenienti da Salerno. Ammoniti Bagadur, Perico, Tuia, Rossi, Zito, Sensi, Kone. Espulso al 28' Caldara per somma di ammonizioni. Recuperi 2' e 4'

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->