Autista aggredito, passeggero accoltellato: l’aggressore è ancora libero

Scritto da , 9 dicembre 2015

Autista aggredito e giovane accoltellato. Una banale questione di viabilità poteva finire in tragedia. Nel caos del traffico dell’Immacolata un giovane attraversa la strada in maniera avventata e rischia di essere investito da un autobus di linea 20 del Cstp. Solo la prontezza dell’autista del pullman ha evitato il peggio. L’episodio si è verificato intorno alle 17.10. Il bullo della situazione, nonostante l’imprudenza commessa, si è scagliato contro il conducente del pullman del Cstp ed è passato rapidamente alle vie di fatto. Il giovane è salito sul pullman ed ha aggredito l’autista che ha reagito. In soccorso del maleducato pedone è giunto un altro ragazzo. Si è scatenata una violenta lite con un passeggero che ha cercato di sedare gli animi e riportare la calma. Come spesso capita in questi casi è proprio chi prova a mediare a riportare la peggio. Il bullo ha tirato fuori il coltello ed ha ferito ad una natica lo sventurato passeggero della linea 20 del Cstp. Resosi conto di averla combinata grossa l’aggressore , sfruttando anche il caso determinato dalla situazione e dal traffico per le luci d’artista, si è rapidamente dileguato dal luogo del misfatto. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi per prestare le prime cure all’uomo intervenuto per cercare di placare gli animi. Quest’ultimo è stato trasportato da un’ambulanza della Misericordia al Ruggi per le cure del caso. Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della squadra volanti della Polizia di stato diretti da Rosanna Trimarco per i rilievi del caso. Ascoltato l’autista del pullman del Cstp che ha fornito una descrizione dell’aggressore. Ricostruito l’identikit gli agenti hanno iniziato la caccia all’uomo. Si cerca anche il complice del ragazzo che ha inferto la coltellata al passeggero che era salito sulla linea venti. L’episodio verificatosi ieri pomeriggio conferma, una volta di più, il disagio e, soprattutto, la poca sicurezza per gli autisti che prestano servizi per il Cstp. Non è la prima volta, infatti, che quest’ultimo sono vittime di aggressioni ed insulti sia da parte di passeggeri che da parte di avventori. Una situazione al limite. Non è bastato alzare la voce e chiedere maggiori controlli. L’appello dei dipendenti del Cstp è rimasto inascoltato con tutte le conseguenze del caso e, se la situazione resterà tale, all’episodio di violenza di ieri sera ne potrebbe seguire altri. E non sempre la Dea Bendata è benevola e generosa…

Consiglia