Attilio Bianchi in pole per l’Asl. Per il Ruggi d’Aragona circola il nome del salernitano Alfonso Giordano

Scritto da , 16 luglio 2015
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino Detto fatto: per Enrico Coscioni è arrivata la nomina. L’ex consigliere regionale (non rieletto) sarà consigliere politico sulla sanità in Regione Campania. Il suo nome era stato indicato anche come possibile commissario regionale per la sanità ma, allo stato, da Roma e quindi da Matteo Renzi non ci sarebbero ancora risposte in merito. Con molta probabilità il commissario potrebbe essere nominato insieme a quello di Bagnoli durante il prossimo Consiglio dei Ministri. Una nomina che il governatore Vincenzo De Luca vorrebbe opzionare nonostante la competenza di Palazzo di Chigi. Tant’è che venerdì scorso proprio al premier aveva lanciato l’avvertimento: «Il commissario sia condiviso con me». Ma intanto per Coscioni, medico del “Ruggi d’Aragona”, è arrivato l’incarico, ed ora sarà parte integrante dello staff del governatore De Luca. Coscioni, 54 anni, era stato consigliere regionale (gruppo Campania Libera) nella scorsa consiliatura dal 2014 quando era subentrato a Gianfranco Valiante che era stato eletto sindaco di Baronissi. Il medico salernitano era candidato anche alle elezioni 2015 nella lista Campania Libera a Salerno, ma è risultato primo dei non eletti della lista, raccogliendo poco più di 5000 preferenze. «La sanità in Campania ha tanti nodi impegnativi da affrontare – ha detto Coscioni all’atto della sua presentazione – li conosco da medico ma anche da ex consigliere regionale e vicepresidente della commissione sanità». Ma Coscioni è solo la prima pedina che forma lo scacchiere politico di Vincenzo De Luca. Da qui a breve da nominare ci sono quasi tutti i vertici della sanità in Campania. A partire dall’Asl di Salerno. Qui ad inizio agosto scadrà il mandato dell’attuale manager Antonio Squillante, nominato in quota Fratelli d’Italia. Tra i nomi che potrebbero succedergli spunta quello di Attilio Bianchi, oggi direttore generale dell’Università degli Studi di Salerno. Tra l’altro Bianchi è da sempre vicinissimo alle posizioni di Vincenzo De Luca. Già direttore generale dell’azienda ospedaliera “Ruggi d’Aragona”, la sua nomina all’Asl di Salerno potrebbe liberare il suo posto all’Unisa rimettendo così il mandato delle mani del rettore Aurelio Tommasetti. Da nominare c’è poi il vertice dell’ospedale di via San Leonardo. Ed in questo caso anche Tommasetti dovrà dire la sua. In tal senso circolerebbe già un primo nome: si tratta del salernitano Alfonso Giordano, recentemente alla guida della direzione sanitaria dell’azienda ospedaliera casertana “Sant’Anna e San Sebastiano”. Giordano era stato anche direttore sanitario dell’ospedale “Mauro Scarlato” di Scafati. Restano ancora a bocca asciutta Franco Alfieri e Luigi Cobellis. Per il sindaco di Agropoli ben presto dovrebbe arrivare l’atteso incarico, promesso all’atto della rinuncia alla candidatura al consiglio regionale della Campania. Si parla della guida dell’autorità portuale accorpata: seppur il primo cittadino vorrebbe non lasciare la guida del suo comune. Per Cobellis, invece, già indicato come possibile assessore regionale, e protagonista dell’accordo De Luca – De Mita alla vigilia della presentazione delle liste regionali, potrebbe ricevere la guida di qualche società regionale.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->