Assolto poliziotto, non picchiò Ferraiolo

Scritto da , 14 maggio 2016

Assolto con formula piena in sede di Appello. Finisce l’incubo per il poliziotto della questura di Salerno Domenico Pedicone, sotto processo per aver picchiato nella caserma Pisacane Marco Ferraiolo, uno dei giovani della banda della zona orientale, dopo un fermo nel corso delle indagini. Accuse lanciate dal giovane e anche dalla madre e che videro in primo grado l’assoluzione dell’altro poliziotto Giovanni Masullo. Pedicone fu invece condannato con accuse di lesioni gravissime con l’aggravente di essere un pubblico ufficiale ad 1 anno e 10 mesi. In Appello, difeso dall’avvocato Luigi Gargiulo, è stata provata l’innocenza del poliziotto. In particolare la difesa ha provato, anche attraverso la testimonianza di altre persone fermate, seppur per motivi diversi, che non ci furino nè urla nè schiamazzi al momento del fermo del Ferraiolo. Nè – ha provato la difesa- vi erano elementi medici per sostenere la tesi dell’accusa, laddove anche il consulente del Pm, nella sua relazione, aveva escluso fatti traumatici. Marco Ferraiolo, al momento del suo arresto, era considerato dal Pm Montemurro, capo dell’organizzazioneche operava nella zona orientale e fratello di Carmine, ferito in un agguato nel piazzale del distributore di carburante di via Rocco Cocchia, a Pastena

Consiglia