Artkeys Prize, oggi le premiazioni

Scritto da , 9 Ottobre 2021
image_pdfimage_print

“Fare associazioni e fare cultura, oggi, è difficile”. È con queste parole che Aldo Olivieri, Presidente Pro Loco SviluppAgropoli, ha aperto la presentazione della terza edizione di Artkeys Prize, premio internazionale d’arte contemporanea organizzato dall’Associazione Blow Up. Come ha sottolineato Olivieri, la forza di Artkeys Prize sta anche nell’essere riuscito a superare le difficoltà, l’emergenza Covid in primis, e così, come l’anno scorso, anche quest’anno il premio vedrà la luce nella cornice del Castello Angioino Aragonese di Agropoli. “Il Castello Angioino Aragonese ha una valenza molto importante per noi – ha sottolineato Nadia Miglino, membro direttivo del premio – Artkeys Prize, infatti, nasce con l’obiettivo non solo di promuovere l’arte e la cultura, ma di far conoscere anche il Cilento”. Marianna Battipaglia, vicepresidente dell’Associazione Blow Up, ha illustrato il programma del vernissage di sabato 9 ottobre “Oggi, alle ore 18 sarà inaugurata la mostra in cui saranno esposte le 75 opere finaliste scelte tra le oltre 300 che gli artisti di tutto il mondo hanno presentato. La mostra sarà visitabile fino al 17 ottobre. Alle 20 inizieranno le esibizioni dei migliori performer di questa edizione e, a seguire, si svolgerà la cerimonia di premiazione”. Saranno sei gli artisti ad essere premiati, uno per ogni categoria presente: pittura, scultura e installazione, fotografia, illustrazione e graphic design, videoarte, performance. Il primo classificato di ogni categoria riceverà un premio di mille euro. Inoltre gli artisti più meritevoli saranno premiati con una Residenza d’Artista. I vincitori saranno scelti da una giuria composta da cinque esperti: del settore: Antonello Tolve, ordinario di Pedagogia e Didattica dell’Arte all’Accademia Albertina di Torino, la curatrice Enrica Feltracco, il Direttore Artistico della Scuola Internazionale di Comics-Sede di Napoli, Lorenzo Ruggiero, l’artista e docente di fumetto presso lo IED, Grazia La Padula, ed il critico d’arte Roberto Sottile. Ieri sera i giurati avranno modo di accedere in forma privata alle opere e di vederle dal vivo. Si tratta di una scelta importante che mette in luce la serietà dell’organizzazione che punta a mostrare le opere nella loro effettiva matericità. “Domani sera si celebrerà l’evento principale di Artkeys Prize, ma il premio non si limita alla cerimonia di premiazione, bensì è una manifestazione che nasce con l’obiettivo di essere attiva durante tutto l’anno attraverso eventi satellite. Un modo per mantenere vivo e costante il legame tra Cilento e Arte contemporanea. Artkeys Prize vuole essere un ponte tra arte e territorio” ha spiegato Marianna Battipaglia. Tra le numerose attività che si svolgono durante l’anno vi sono le Residenze d’Artista, un’occasione per i comuni del territorio di ospitare grandi artisti contemporanei. Lo scorso anno Agropoli ha avuto modo di accogliere il pittore Jacopo Dimastrogiovanni e la fotografa Elide Cataldo. Si è da poco conclusa a Cetara la Residenza d’Artista di Luca Poncetta. “Con Artkeys ed il Comune di Cetara abbiamo messo in piedi una progettualità legata alle Residenze d’Artista, che si è rivelata qualcosa in più di una semplice esperienza – ha dichiarato Alessia Benincasa, presidente dell’Associazione Ambientarti – Grazie a Luca Poncetta, artista resident alla Torre Vicereale di Cetara, abbiamo attuato una riflessione profonda e critica che è andata oltre il visibile, per portare lo sguardo a fermarsi in un modo inaspettato e non appariscente sull’appartenenza, sui luoghi e sul nostro rapporto con una natura che spesso non perdona errori.

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->