Arrestato principe dello spaccio a Cappelle

Scritto da , 1 marzo 2015

Aveva avviato una vera e propria attività di spaccio e confezionamento delle dosi di droga nella propria abitazione. Matteo Coscia, 26enne di Cappelle, è stato tratto in arresto nella serata di venerdì dalla Polizia di Stato. Prosegue, quindi, l’incessante attività di contrasto allo spaccio ed al traffico di stupefacenti condotta dalla Squadra mobile della Questura di Salerno, nell’ambito degli specifici servizi predisposti, ad esito di una protratta attività di osservazione e dopo aver eseguito una perquisizione presso il domicilio del 26enne pregiudicato, hanno scoperto l’attività del giovane che andava avanti già da tempo. Matteo Coscia era già noto per le sue attività di spaccio e, per questo, costantemente seguito ed osservato; nel corso di una perquisizione condotta alcuni mesi fa, la Squadra mobile aveva fatto rimuovere dai Vigili del fuoco le inferriate poste abusivamente a sbarramento per l’ingresso alla sua abitazione ed aveva sequestrato un sofisticato sistema di video sorveglianza che consentiva al pregiudicato di conoscere in anticipo chi stava per accedere al palazzo ed evitare, così, possibili sorprese per l’accesso della polizia. La perquisizione ha consentito il rinvenimento di circa 100 gr di cocaina, di bilancini di precisione ed altro materiale per il confezionamento delle dosi. E’ stata, altresì, rinvenuta una pistola semiautomatica calibro 380 marca Smith & Wesson con matricola abrasa, completa di caricatore con tre cartucce inserite. Il giovane è stato, quindi, tratto in arresto in flagranza e condotto presso la casa circondariale di Fuorni a disposizione della Procura della Repubblica di Salerno.

Consiglia