Area retroportuale: si cerca la soluzione

Scritto da , 7 aprile 2017
Luogo della Rissa/Foto Ciro Paolillo

 

di Brigida Vicinanza

In Commissione urbanistica a Palazzo di Città torna il caso del sistema retroportuale per il porto di Salerno. Durante la seduta, presieduta dal consigliere Luca Sorrentino si è affrontato l’argomento alla luce anche del parere negativo dato dall’amministrazione comunale al progetto dell’autorità portuale di Salerno e della Solaria srl inerente alla realizzazione di un “sistema integrato retroportuale con il riutilizzo delle cave di Brignano e di San Mango Piemonte”. All’incontro ha preso parte anche Nino Criscuolo, membro del Comune all’interno dell’autorità portuale che insieme ai consiglieri ha cercato di trovare una soluzione per l’area in quanto il porto di Salerno ha comunque bisogno di aree retroportuali. Tra le ipotesi c’è quella della cava di Cernicchiara che si integra anche con l’opera in costruzione di Porta Ovest. Dunque, l’amministrazione è al lavoro per trovare una soluzione adatta che possa dare al sistema portuale l’area di cui necessita. Intanto questa mattina Pietro Spirito farà visita a Salerno alla stazione marittima.

 

Consiglia