Appalti dell’esercito. Arrestato il colonnello Mautone. Fu candidato sindaco a S. Marzano

Scritto da , 27 Gennaio 2016
image_pdfimage_print

Video ordinanze Caprio, Mautone e Crisileo

Alle prime ore dell’alba la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato di Caserta hanno eseguito un’ordinanza della Procura di Santa Maria Capua Vetere arrestando due tenenti colonnello dell’Esercito Italiano responsabili del X Reparto Infrastrutture che si occupa della manutenzione delle strutture militari nelle regioni del sud Italia. In manette sono finiti il tenente colonnello Antonio Crisileo e Gaetano Mautone. Quest’ultimo è residente a San Marzano sul Sarno ed è stato anche candidato a Sindaco nella tornata elettorale amministrativa del 2010. L’accusa della Procura di Terra di Lavoro  è di aver truccato vari appalti per favorire un imprenditore edile di Casal di Principe. I militari, secondo le indagini, avrebbero intascato una tangente nella caserma di Capua da uno dei soci del gruppo Caprio di Casal di Principe, impresa edile che si occupa di lavori pubblici in diversi comuni della Campania, tra i quali Caserta.

Nelle indagini condotte anche con il metodo delle intercettazioni telefoniche c’è una conversazione choc. I due ufficiali, parlando al telefono, fanno riferimento a somme che sarebbero state versate da Francesco Caprio, titolare dell’omonimo gruppo imprenditoriale di Casal di Principe, che ammontavano tra i 30 e i 40mila euro. In una delle intercettazioni uno dei due militari dice:”Io non voglio fare più niente, questa è turbativa d’asta e corruzione”. E questi sono alcuni dei reati contestati ai due dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere.

Raimondo AUFIERO

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->