“Annullare il Pua a Matierno”

Scritto da , 15 maggio 2017

 

di Andrea Pellegrino

«Si annulli il Pua di Matierno». I cittadini e proprietari delle aree alzano la voce contro l’amministrazione comunale. No ad una nuova cementificazione della zona ma soprattutto chiarezza sul procedimento amministrativo: sono i punti su cui verte la protesta dei residenti della zona. Troppe anomalie riscontrate e per le quali è stato chiesto un atto di autotutela rispetto al Pua che prevede la realizzazione di palazzi in un’area considerata «polmone verde di Matierno». La vicenda parte dagli anni ’90 ma solo un mese fa alcuni proprietari delle aree avrebbero preso coscienza dell’avvio del procedimento da parte del Comune. Altri, invece, se ne sarebbero accorti grazie (o per colpa) dell’Imu, variata da terreno agricolo in edificabile, con tanto di aumento dell’imposta. Una vicenda dai tratti paradossali. Non fosse altro che alcune particelle del comparto risultano completamente inedificabili, con tanto di certificazione del Comune di Salerno. «Ci dica l’assessore all’urbanistica – spiegano in un esposto – in quale data sia stata effettuata la comunicazione ai relativi proprietari dei terreni che sono stati inseriti nel piano urbanistico del 2006». Ma non solo. A dicembre, fanno sapere, «abbiamo presentato esposto contro due funzionari dell’agenzia delle entrate che hanno inserito due particelle nel novero delle aree fabbricabili». Un caso, questo, seguito da Flavio Boccia (ex dirigente provinciale dei Verdi) che ha raccolto tutto il materiale e le testimonianze dei proprietari e cittadini di Matierno. «Sono in possesso di un dossier e ben presto metteremo in campo azioni a tutela dei cittadini che hanno l’intenzione di salvaguardare i propri diritti ed un’area verde della frazione di Salerno».

 

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->