Ancora senza stipendio: lavoratori in rivolta

Scritto da , 9 Dicembre 2018
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Dipendenti del centro commerciale La Fabbrica, del gruppo Lettieri a Salerno, in rivolta. I lavoratori impegnati nelle attività di custodia e pulizia del centro commerciale della zona industriale di Salerno, sono stati assunti dalle cooperative Copas e Titanus e ad oggi non hanno ancora ricevuto gli stipendi, nonostante le varie richieste avanzate ormai da diverse settimane. Le maestranze sono in lotta per il loro futuro lavorativo da giorni e giorni e nella giornata di ieri hanno manifestato la loro delusione davanti alla struttura commerciale. Ad occuparsi della vertenza dei lavoratori il segretario generale della Fiadel provinciale, Angelo Rispoli: «Dopo mesi di disoccupazione speciale sono stati riassunti con contratti di lavoro a tempo parziale a 23 ore settimanali praticamente a circa 600 euro mensili. Vani sono stati i tentativi di avere un conErika Noschese fronto con l’azienda e con lo stesso gruppo Lettieri che per il passato si erano resi garanti con vari accordi sottoscritti presso la sede della Regione Campania per la ricollocazione di tutti i lavoratori”, ha dichiarato il segretario generale della Fiadel provinciale. «Infatti i dipendenti in questione sono gli ex dipendenti diretti di Lettieri quando era titolare delle Mcm di Fratte e gli stessi accettarono gli accordi sottoscritti dallo stesso gruppo che li ricollocò nell’azienda Medsolar per la realizzazione di pannelli fotovoltaici – ha poi aggiunto Angelo Rispoli – Quest’ultima ditta ha cessato la produzione dopo meno di due anni. Anche in questa occasione i lavoratori pur di salvaguardare il loro futuro accettarono una nuova riconversione trasformandosi in dipendenti delle aziende che avrebbero gestito le pulizie presso il centro commerciale Le Cotoniere e nel settore edile per la realizzazione de La Fabbrica». Secondo il sindacalista, ad oggi, dopo tanti sacrifici e accettando sempre gli impegni proposti dal gruppo Lettieri, i dipendenti versano in una situazione ai limiti della miseria proprio a causa del mancato stipendio che i dipendenti delle due cooperative avrebbero dovuto percepire. Una situazione intollerabile per Rispoli, che ha deciso di partecipare all’iniziativa dei lavoratori davanti al centro commerciale realizzato da Lettieri, La Fabbrica. «Con l’assemblea di stamattina si chiede al gruppo Lettieri e alle istituzioni di aprire un tavolo di confronto per il rispetto degli accordi per un futuro lavorativo decoroso come era stato concordato, tant’è che gli addetti per un periodo sono stati dipendenti a pieno orario sia presso Le Cotoniere che presso La Fabbrica. Dopo un periodo dove ogni mese percepire la retribuzione rappresentava un momento di tensione a causa dei pagamenti sempre in ritardo e con acconti da fame, ai dipendenti è stato imposto di collocarsi in disoccupazione speciale garantendo che all’apertura de La Fabbrica vi sarebbe stato la piena occupazione e un futuro lavorativo per tutti – ha poi aggiunto il sindacalista – Oggi con le assemblee di tre ore per turno che si tengono all’interno del centro La Fabbrica si lancia un primo segnale di mobilitazione». «Abbiamo richiesto l’intervento del prefetto di Salerno per la convocazione delle parti affinché le parole non siano vane promesse ma atti concreti. Salerno non può più perdere posti di lavoro», ha detto infine Rispoli.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->