Ancora in servizio i furbetti dell’Asl, la denuncia della Fsi

Scritto da , 22 febbraio 2018
image_pdfimage_print

Pina Ferro

Furbetti dei cartellini a processo e ancora in servizio. L’Azienda Sanitaria Locale sembra essere sorda alle richieste di spiegazioni resentate dalla segreteria della Fsi Usae, rappresentata da Rolando Scotillo. “I dipendenti infedeli continuano a lavorare senza essere sospesi così come dispone la legge (Decreto legislativo, 20/06/2016 numero 116, gazzetta ufficiale 28/06/2016)”. E’ quanto si legge in una nota a firma di Rolando Scotillo. “Non è dato sapere, nemmeno, se siano state attivate le procedure disciplinari che, sempre la legge, dispone dovevano concludersi in un mese”. Due dirigenti Veterinari (C. A. e M. R.) vengono, nei mesi di febbraio e marzo 2016, colti in flagranza di reato dopo essersi allontanati dal servizio non per motivi di servizio ma per motivi personali. I dipendenti, immortalati dalla P.G. più volte, rientravano dopo aver compiuto le faccende personali e timbravano l’uscita dal lavoro. “E’ sicuramente vergognoso” dichiara Rolando Scotillo “che due Dirigenti colti in flagranza di reato non vengano sospesi in maniera cautelare dal servizio al pari di altri dipendenti in analoghe situazioni. La Asl non ha risposto ad una nostra nota del settembre scorso , né ha risposto alla nota di qualche giorno fa. Sicuramente la vicenda non finirà qui, anche perché sembrerebbe che chi ha denunciato tale malcostume sia vessato continuamente solo per il fatto di aver effettuato la denuncia. E’ certamente disdicevole che non si applichi la legge e che la Asl di Salerno, pur costituendosi parte civile, sia stata gravemente omissiva. Invitiamo ancora una volta la Asl di Salerno a chiarire pubblicamente tale situazione ed a provvedere immediatamente a far rispettare la legge. Restiamo in attesa.”

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->