Ance Salerno: in Campania boom imprese con titolari stranieri

Scritto da , 19 aprile 2014

Napoli e la Campania guidano la graduatoria per incremento di imprese a con il titolare straniero. E’ un vero e proprio boom con un tasso di crescita, nel 2013, pari al 9,1% in Campania (media Italia: 4,8%) e al 15,2% nella provincia di Napoli. Sopra la media nazionale anche le province di Salerno (6,8%) e Caserta (6,1%). Al di sotto, invece, Benevento (2,6%) ed Avellino (0,90%). I dati – evidenziati dal Centro Studi Ance Salerno – sono nel report Unioncamere/Infocamere/Movimpresa dello scorso 21 marzo. I saldi in termini assoluti segnalano un incremento di 1.593 imprese straniere in provincia di Napoli; 407 in provincia di Salerno; 449 in provincia di Caserta; 36 in provincia di Benevento e 21 in provincia di Avellino. In termini complessivi in Campania sono registrate nel circuito degli Enti Camerali 29.912 aziende a guida straniera (+2.506 nel 2013) che pesano per il 5,3% sul totale al 31 dicembre 2013. Se si restringe il campo dell’analisi alle imprese guidate da stranieri extra Ue le percentuali aumentano ancora. In questo caso la Campania è la prima regione d’Italia per tasso di crescita con il +10,4% (media Italia: 5,72%). Crescono anche i trend nelle singole province: Napoli, 16,6%; Salerno, 8,2%; Caserta, 6,6%; Benevento, 2,8%; Avellino, 1,7%. In questo caso il saldo positivo è pari – a livello regionale – a 2.429 aziende in più (su uno stock complessivo di 25.569 imprese a guida straniera).Particolarmente significativo il dato inerente la provincia di Napoli: il tasso di crescita delle imprese straniere (15,2%) è il più alto a livello nazionale, con un saldo positivo pari a 1.593 imprese e uno stock complessivo di 12.031 unità (il 4,4% del totale imprese). Per quanto concerne le altre province, si segnalano Salerno (tasso di crescita pari al 6,8%, +407 per uno stock complessivo di 6.324 unità, 5,2% del totale imprese) di Caserta (tasso di crescita pari al 6,1%, +449 per uno stock complessivo di 7.772 unità, 8,6% del totale imprese), mentre meno significativi risultano i numeri provenienti dalle province di Benevento (tasso di crescita del 2,6%) ed Avellino (tasso di crescita dello 0,9%). La Campania presenta anche il maggior tasso di crescita nazionale di imprese di stranieri extra Ue (+10,4%), con un saldo nati/mortalità che, nel 2013, è stato pari a +2.429 imprese. Si tratta di numeri notevolmente superiori al tasso di crescita medio nazionale che, nel caso di imprese di stranieri extra Ue, nel 2013 è stato del 5,72%. Anche in questo caso, tra le province campane, spicca il dato relativo al territorio della provincia di Napoli, dove tale tasso di crescita è stato del 16,67% (+1.551 imprese), il più alto a livello nazionale. Importante anche la crescita di tale tipologia di imprese registrata nel 2013 in provincia di Salerno (+8,27%; +388 imprese) e Caserta (+6,64%; +432 imprese), mentre più modesto risulta l’incremento nelle province di Benevento (+2,88%; +28 imprese) ed Avellino (+1,75%; +30 imprese). In valori assoluti, le attività più presidiate sono quelle del commercio e delle costruzioni, ma nel 2013 c’è stato un incremento soprattutto delle imprese di noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese. Quanto alla provenienza degli imprenditori, il Paese leader resta il Marocco, seguito dalla Romania che sottrae la medaglia d’argento alla Cina. Gli incrementi più forti hanno riguardato, in termini assoluti, hanno riguardato il Bangladesh.

Consiglia