Ance, crescono quelle degli immigrati,Marocco a top

Scritto da , 20 Settembre 2014
image_pdfimage_print

Ritorna a crescere, nel secondo trimestre del 2014, il numero delle imprese guidate da immigrati. In Campania il paese leader e’ il Marocco. Sono 6.247 i cittadini marocchini titolari di imprese individuali nella regione. In termini percentuali queste imprese rappresentano il 25,9% del totale complessivo delle imprese individuali che fanno riferimento a titolari di nazionalita’ extra UE (24.144). I dati sono stati elaborati dal Centro Studi ANCE Salerno sulla base dell’indagine trimestrale condotta da Unioncamere e Infocamere (Registro delle Imprese delle Camere di Commercio). “Anche in Campania – evidenziano gli analisti del Centro Studi ANCE Salerno – si conferma la leadership degli autoimprenditori marocchini che risultano particolarmente inseriti nel processo di emersione dalla zona grigia grazie alle specializzazioni maturate in due comparti rilevanti come il commercio e i trasporti. Siamo in presenza di un fenomeno che assume sempre piu’ peso in termini numerici, a giudicare dal saldo del secondo trimestre dell’anno in corso nella dinamicizzazione dei flussi relativi al circuito imprenditoriale di base delle economie regionali”. “Va, inoltre, segnalata – sottolineano ancora dal Centro Studi ANCE Salerno – la complessiva ripartenza del fenomeno delle imprese individuali: inevitabile considerare che il ricorso a questa forma giuridica e’ dovuto in larga parte al processo di precarizzazione del lavoro che coinvolge tutti i profili professionali spendibili nei segmenti produttivi piu’ rilevanti”. Se si raffronta la media campana (25,9%) a quella nazionale (19,3%), sempre nell’ambito delle ditte individuali con titolari marocchini, risulta un trend medio superiore di 6,6 punti percentuali. In Campania e’ concentrato il 7,4% di imprese individuali con titolari extra Ue diffuso su tutto il territorio nazionale ed il 10% di imprese individuali sempre con titolare di origine marocchina. In particolare, si tratta di autoimprenditori impegnati principalmente in due settori (commercio e trasporti). In ambito nazionale le imprese con titolare marocchino rappresentano il 31,9% delle ditte individuali con titolare immigrato impegnato nel commercio ed il 15,8% delle ditte individuali con titolare immigrato impegnato nei trasporti. A livello regionale le imprese individuali sono 303.768, di cui 24.144 intestate a cittadini extra UE (7,95%). Nel contesto dei territori provinciali la maggiore concentrazione in termini numerici si registra a Napoli (10.471 ditte, 8,16% sul totale delle imprese individuali); segue Caserta (6.778, 12,57%); il Salernitano (4.687, 6,56%); l’Irpinia (1.389, 5,6%); il Sannio (819, 3,62%). Nel complesso in Campania l’incidenza delle imprese individuali con titolarita’ extra UE sul totale di questa tipologia di impresa si attesta al 7,95%, 2 punti in meno della media nazionale (9,96%). “E’ evidente – dichiara il presidente di ANCE Salerno, Antonio Lombardi – che si va definendo una nuova geografia dell’immigrazione anche nelle regioni meridionali sempre piu’ legata ai processi di inserimento nel circuito legale della produzione. E’ senza dubbio un fenomeno positivo in quanto contribuisce a rendere piu’ dinamico il contesto economico. In ogni caso – continua Lombardi – occorre monitorare questi trend prima di tutto per tutelare i diritti di un numero cosi’ consistente di autoimprenditori, ma anche per assicurare il rispetto delle regole in maniera omogenea, tenendo conto che questi processi si inseriscono in un quadro piu’ complessivo di sfaldamento delle tradizionali forme di contrattualizzazione delle professionalita’. In altre parole – conclude Lombardi – a cominciare dal settore delle costruzioni diventa fondamentale incanalare in maniera positiva queste nuove energie evitando alterazioni del mercato che finiscono per danneggiare sia i lavoratori che le imprese”

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->