Anav: congelati lo stipendio di dicembre e la tredicesima

Scritto da , 12 dicembre 2012

E’ il caso di dirlo: dalla Regione se la stanno proprio cercando. I corrispettivi d’esercizio per i mesi di settembre ed ottobre non sono stati ancora erogati alle aziende di trasporto private.
Dopo quello che è stato un “avvertimento”, o, per meglio dire, un preavviso di dismissione dei servizi sul territorio regionale da parte della Sita sud la scorsa settimana, la Regione Campania non ha battuto ciglio continuando sulla propria strada. Se Sita, nelle persone dell’amministratore delegato Giuseppe Francesco Vinella e in quella del direttore Simone Spinosa, aveva fatto presente che uno dei motivi per i quali l’azienda ha deciso di dire addio alla Campania dal prossimo mese di febbraio è quello del “puntuale ritardo” nei pagamenti dei corrispettivi per per l’esercizio, gli Enti, dal canto loro, non fanno altro che ridurre, giorno dopo giorno, le speranze di un ripensamento da parte dei vertici aziendali. Fino a ieri, infatti, i mandati di pagamento per la corresponsione dei corrispettivi d’esercizio erano ancora fermi presso la ragioneria regionale. A mancare la solita firma da parte del dirigente del settore: soldi in cassa, in pratica, non ce ne sono. Di conseguenza il dirigente non può firmare i mandati con i quali vengono erogati i corrispettivi agli enti locali (nel caso di specie la Provincia), i quali provvedono poi a girarli alle aziende. Così l’Anav Campania, l’associazione nazionale autotrasporto viaggiatori, ha indirizzato una lettera alle segreterie delle organizzazioni sindacali convocando un incontro per il prossimo martedì alle 15 in Confindustria Salerno. Nel mirino di Anav sia la Regione Campania che la Provincia di Salerno, la quale, lo scorso venerdì ha anticipato al Cstp 3 milioni e 200 mila euro per consentire il pagamento della seconda parte dello stipendio di novembre e la tredicesima mensilità. Insomma, secondo l’associazione Anav, ci sarebbe un atteggiamento non paritario, da parte degli enti locali, nel trattamento delle varie aziende del territorio, tra quelle pubbliche e quelle private. 
«Non sono stati ancora erogati e liquidati dagli Enti competenti – si legge nella nota a firma del presidente regionale Anav, Simone Spinosa – i corrispettivi relativi ai mesi di settembre e ottobre, mentre alle aziende pubbliche sono state erogate anticipazioni sui corrispettivi e ad altre aziende anticipazioni su servizi non ancora effettuati». Un comportamento che, secondo il presidente Spinosa, «penalizza il comparto delle aziende private che provvedono ad erogare con regolarità e con sacrificio le retribuzioni ai lavoratori e i contributi previdenziali». In tal modo, conclude Spinosa, «le aziende associate (ad Anav, ndr) sono costrette a differire l’erogazione degli emolumenti relativi alla tredicesima mensilità nonché la mensilità del mese di dicembre».
Intanto, per quel che concerne, strettamente, la questione di Sita Sud e le problematiche segnalate tanto alla Regione quanto alle Province di Napoli, Salerno e Avellino, lunedì alle 17, le parti si incontreranno proprio per discuterne dinanzi all’assessore regionale ai trasporti Sergio Vetrella. Al tavolo siederanno i vertici di Sita Sud, i presidenti delle Province di Salerno, Napoli e Avellino e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->