Amabile in campo, De Luca assente

Scritto da , 11 gennaio 2015
image_pdfimage_print

FISCIANO. La sua discesa in campo sotto il simbolo del Pd potrebbe, in questo momento storico, sancire un allontanamento dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. Ieri pomeriggio, il primo cittadino di Fisciano, Tommaso Amabile ha dato il via alla sua campagna elettorale per le elezioni regionali che si terranno il prossimo mese di maggio. Almeno 500 persone, tra amministratori, politici e cittadini, hanno seguito il comizio. Tra questi non c’era però Vincenzo De Luca, candidato salernitano alle primarie quasi annullate del Partito democratico. Presenti il deputato Tino Iannuzzi, la senatrice Teresa Armato, i sindaci di Baronissi, Bracigliano e Calvanico – Gianfranco Valiante, Antonio Rescigno e Franco Gismondi -, il presidente della Bcc di Fisciano, Mimmo Sessa, i consiglieri comunali Carmine Ansalone, Fabio Iannone e Gerardo Figliamondi di Mercato San Severino, il componente dell’assemblea regionale del Pd, Enzo Bennet. «La candidatura di Amabile – ha detto Iannuzzi – è autorevole e di qualità. E’ un ottimo sindaco, è stato un prezioso consigliere provinciale e un dirigente preparato del Pd. Un uomo che può dare un grande contributo di qualità alla battaglia che il Pd deve sostenere per tornare ad amministrare la Regione Campania». «Ha cambiato in meglio la città di Fisciano – ha aggiunto il sindaco di Bracigliano, Antonio Rescigno -. Numerose le opere pubbliche realizzate, che fanno della città di Fisciano una sede degna dell’Università di Salerno. Ha dato testimonianza concreta e per questo merita di diventare amministratore della Regione Campania. Farà molto bene, ne sono sicuro, nell’interesse del vasto comprensorio della Valle dell’Irno». «Una candidatura autorevolissima quella di Amabile – ha detto il sindaco Valiante – un primo cittadino capace e modello, che può far molto bene in Regione, a lui va il nostro supporto. Credo che dobbiamo serrare le fila e puntare a recuperare larghi strati di elettorato e lo possiamo fare con persone di qualità come Amabile. I temi da portare a Napoli sono il lavoro, la casa, i trasporti, le politiche sociali». «Se dovessi essere candidato e poi eletto – ha detto Amabile alla platea – partirò da due progetti: la strada ferrata all’interno del campus di Fisciano dell’Università di Salerno, e la terza corsia sulla Salerno/Avellino, per la quale l’attuale Giunta regionale ha chiesto il definanziamento al Cipe di fondi già assegnati. Ha poi chiesto allo stesso Cipe una proroga per la stessa opera per il quinquiennio 2019-2024. Fisciano vanta ancora un credito rispetto alla Regione di 3 milioni di euro, non ancora assegnatoci. Basta ciò per capire la lontananza della Giunta Caldoro dal nostro territorio». «Amabile è un eccellente sindaco – ha aggiunto Enzo Bennet -, è stato anche un ottimo consigliere provinciale. E’ uno degli elementi migliori del Pd e per questi motivi lo sosterremo”. Amabile, 57 anni, avvocato, formatosi sotto l’ala protettiva dell’ indimenticato sindaco “don” Gaetano Sessa, è cresciuto nella Democrazia Cristiana per poi transitare in formazioni politiche moderate, fino a giungere nel Pd. Numerose le opere che la sua amministrazione comunale ha realizzato a Fisciano, con un occhio sempre attento al Bilancio dell’Ente. Deborah Errico

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->