Allarme terrorismo a Bellizzi. Arrestato un uomo davanti ad una chiesa

Scritto da , 26 marzo 2016
image_pdfimage_print

Dopo una serrata attività investigativa condotta con il concorso del servizio centrale antiterrorismo , del servizio di polizia scientifica e della digos di Roma,  la digos di Salerno ha tratto in arresto a Bellizzi Ouali Djamal Eddine, nato a Obejaia (Algeria) il 31.01.1976, destinatario di mandato di arresto europeo emesso dal Belgio per i reati di partecipazione a un’organizzazione criminale dedita al falso documentale e favoreggiamento dell’immigrazione irregolare.

Le indagini sono state avviate dalla questura di Salerno a seguito degli approfondimenti effettuati sulla richiesta di permesso di soggiorno recentemente inoltrata presso il locale Ufficio Immigrazione dal cittadino algerino.Il vaglio effettuato dalla Digos ha consentito di rilevare come un omonimo del richiedente risultasse ricercato in Belgio perché implicato in una rete criminale dedita al falso documentale su larga scala, venuta alla luce lo scorso anno a Bruxelles.

In particolare, nel mandato di arresto, diffuso in campo internazionale dalle autorità belghe il 6 gennaio 2016,  viene precisato che il nominativo era emerso all’esito di alcune perquisizioni effettuate nell’ottobre 2015 a Saint-Gilles, un sobborgo di Bruxelles, allorquando vennero sequestrate circa mille immagini digitalizzate riferibili a falsi documenti d’identità in un covo di falsari.

L’analisi del copioso materiale allora acquisito nelle perquisizioni evidenziò – oltre al collegamento di Ouali con il gruppo di falsari indagato – anche la presenza delle foto e degli

alias utilizzati da 3 terroristi appartenenti al gruppo che aveva progettato e realizzato le stragi di Parigi dello scorso 13 novembre 2015 i quali, con tutta evidenza, si erano serviti di questa rete di falsari per procacciarsi falsi documenti d’identità.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->